coolture, sirakuza

Il fascino senza tempo del Teatro Greco di Siracusa

Il teatro greco di Siracusa è uno dei monumenti più visitati della città. Con una cavea dal diametro di 140 metri scavata sulla pietra, fu realizzato nel III secolo a.C. sulla cima del quartiere Neapolis, per garantire una scenografia naturale alle rappresentazioni che vi si svolgevano, offrendo una vista mozzafiato fino al porto della città e all’isola di Ortigia. Visitare il teatro, camminare attorno all’orchestra e sedersi sui suoi gradini, immaginando che queste pietre hanno assistito alla rappresentazione delle opere dei grandi drammaturghi dell’antica Grecia è un’esperienza che lascia senza fiato.

Alcuni scavi completati a metà Novecento hanno restituito il teatro come lo conosciamo oggi e ne hanno permesso l’utilizzo per le rappresentazioni classiche organizzate dall’Istituto Nazionale del Dramma Antico già dal 1914: si tratta di un festival teatrale, che attualmente si tiene ogni anno tra maggio e luglio, durante il quale tragedie e commedie di autori greci classici vengono reinterpretate da registi contemporanei. Le rappresentazioni si svolgono al tramonto, in un’atmosfera straordinaria che fa rivivere gli eroi immortali del mito … vi suggeriamo di assistervi almeno una volta nella vita!

Il teatro sorge nel Parco Archeologico della Neapolis, che ospita anche l’Anfiteatro Romano, l’Ara di Ierone, le Latomie, l’Orecchio di Dionisio e la tomba di Archimede. Da aprile ad agosto il parco è visitabile tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude alle 18.00). Durante gli altri mesi il parco chiude prima. Il costo del biglietto è 10 euro, ma l’ingresso è gratuito la prima domenica di ogni mese.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Sofia Giompapa.
Siciliana, emigrata e ritornata, innamorata della sua terra e del mondo.
Ama i colori e nel tempo libero va alla scoperta di angoli segreti con la sua macchina fotografica.

Tags