verhona

All around

Addobbi e delizie ai mercatini di Natale di Verona

07 dicembre 2015

Finalmente è arrivato dicembre. O lo si ama o lo si detesta. Luminarie natalizie ovunque, alberi di Natale, corse frenetiche alla ricerca di regali, voglia irrefrenabile di dolci (per questo effetto collaterale vi abbiamo consigliato dove andare a Verona, ricordate?). L’elenco non è completo senza le tradizionali bancarelle natalizie, rigorosamente di legno in stile tirolese. A Verona ogni inverno non mancano e, vi confessiamo, possono anche essere validi spunti per qualche regalo!

Il mercatino di Natale, che ospita quasi sessanta espositori, si articola in due piazze in pieno centro: Piazza dei Signori e Cortile del Mercato Vecchio, piazza particolarmente bella. Vi consigliamo di visitare il mercatino anche per, folla permettendo, osservare alcuni dettagli medievali che rendono il tutto molto pittoresco.

ingresso

I banchetti arrivano in città a fine novembre e rimangono fino al 27 dicembre: avete quindi tutto il tempo per organizzare una fuga a Verona ma, se potete, evitate il weekend, perché le bancarelle sono così frequentate che diventa quasi difficile avanzare da una all’altra.

oggetti natalizi

Come in ogni mercatino di Natale, vi imbatterete in molti spazi super natalizi. Nella casetta innevata nel Cortile, per esempio, troverete ogni tipo di accessorio: dalle palline di Natale (davvero bellissime, di ogni colore e materiale) alle luci per l’albero, dalle candele profumate ai babbi Natale in miniatura.
Proprio vicino a questo negozio in legno sorge il sogno di ogni bambino: la casa di Babbo Natale, in cui i più piccoli potranno consegnare le loro preziossime letterine e fare una foto. Tutto questo a un prezzo non indifferente: minuti e minuti di coda.

casa di babbo natale

In caso il negozietto di accessori natalizi sia troppo affollato, vi consigliamo di tentare allo store in Piazza Dante ricavato nel Palazzo degli Scaligeri, lo spazio è davvero molto bello e vale la pena entrare anche solo per ammirare il soffitto. Tutto questo con musiche natalizie di sottofondo, ovviamente. Sempre per gli amanti dei prodotti tipicamente natalizi ci sono anche bancarelle che vendono accessori fatti a mano, magari profumati con cannella e agrumi.

oggetti da natale

In alternativa nel mercatino di Verona sono presenti moltissime bancarelle di… pantofole! Davvero di tutte le forme, consistenze e misure: sono simpatiche quelle con forme assurde o che ricordano pupazzi, ma non sono niente male neanche quelle più classiche. Altre idee regalo possono portarci alla cosmetica. Passeggiando abbiamo scoperto che una bancarella vende solo sali da bagno (profumatissimi) e che un’altra vende solo prodotti a base di aloe, pianta miracolosa per i suoi effetti sia a livello estetico che salutare. Non conoscete proprio nessuno che potrebbe desiderare una crema a base di bava di lumaca e aloe vera?

profumi

Per le nostre mamme o nonne un suggerimento valido potrebbe essere dato da un banchetto non distante, specializzato in elementi essiccati e profumati. Potrete trovare fette di mela e noci indonesiane profumate di uva rossa, petali legnosi di ambra, fette di arancia alla cannella, ma anche sabbia profumata (per almeno cinque mesi) e colorata!

Il mercatino di Natale non sarebbe lo stesso, però, senza un’ampia offerta che soddisfi l’appetito. I più affamati potranno contare su crauti, stinco, pietanze bavaresi, patatine fritte e vin brulè in abbondanza. Vi consigliamo soprattutto di ritrovare, fra tutti, un atipico banchetto pugliese che offre delle olive giganti davvero imperdibili (nere e verdi, piccanti e non) e dei taralli eccezionali, di varie tipologie e sapori.

banco pugliese

In alternativa divertitevi a trovare quel piccolo banchetto che vende tutto a base di tartufo: qual è tra le molte la vostra salsa preferita? I più golosi non saranno, d’altra parte, affatto delusi. Sarete sommersi di cioccolate calde, mele ricoperte di una dolcissima glassa, tortini di cioccolato con panna all’interno

dolci
…e banchetti di marmellate tradizionali e più particolari (ad esempio rabarbaro o mela e zenzero) e di creme spalmabili irresistibili. Accettate il nostro consiglio: chiedete di assaggiare quelle che più vi ispirano perché non ve ne pentirete! I cubetti colorati che trovate nella stessa bancarella sono cremini alla nocciola, al cioccolato fondente e al cioccolato bianco e pistacchio di Bronte.

barattoli

Non mancano bancarelle di golosità siciliane (come dire di no a un pasticcino alla mandorla?) e sapori più forti, suggeriti da una bancarella che vende solo liquirizia. Proprio vicino a quest’ultima c’è una casetta in legno che ogni anno spopola fra i veronesi. L’atmosfera suggerita è altoatesina (complici i vestiti dei negozianti) e il profumo dominante è quello di un forno di una volta. A pieno ritmo, per tutto il giorno, impastano quello che chiamano il “pane del contadino” e squisite focacce a due gusti: speck e cipolla e patate e formaggio. Magari un po’ pesanti, ma tra tutto il salato che potrete trovare nel mercatino noi non avremmo dubbi su cosa preferire!

pane del contadino

La passione per i banchetti natalizi a Verona raggiunge il suo massimo la seconda settimana di dicembre in occasione di una festività per i veronesi molto importante: Santa Lucia, che cade il 13 dicembre. Tutta piazza Bra, impreziosita dalla tradizionale stella natalizia, e molte vie del centro ospitano centinaia di bancarelle, provenienti da tutta Italia, che per qualche giorno rendono la città un vero e proprio baluardo delle festività natalizie.

Forse vi chiederete chi è Santa Lucia e perché si festeggia. I bambini a Verona attendono la notte tra il 12 e il 13 dicembre con la stessa frenesia della vigilia di Natale perché la mattina dopo troveranno sotto l’albero dolci (soprattutto i tradizionali frollini di Santa Lucia) e regali. La leggenda racconta che la santa, cieca e con i suoi occhi su un piattino, accompagnata dal proprio asinello, porti regali ai bambini. Ma un monito: bisogna essere assolutamente a letto e non azzardarsi a guardarla perché altrimenti si diventa ciechi! Dopo aver deposto sotto l’albero un bicchiere di latte per lei e una carota per l’asinello, tutti a nanna.

stella in bra
In questi giorni Verona si mostra nel suo aspetto più magico, magnetico anche per quei bambini, ora cresciuti, a cui basta pochissimo per ricordarsi passate sensazioni. Buon Natale a tutti quanti e felici Feste!

, , , , ,