vareze

Let's Eat

Un morso alla Tigella Bella di Varese

05 novembre 2015

Varese è appassionata di novità: in una piccola città di provincia dove le giornate difficilmente subiscono variazioni, appena si scopre un posto nuovo questo diventa subito la moda del momento, fino alla prossima novità. Quella di questi ultimi mesi è un piccolo locale Take Away in via San Martino della Battaglia, nel cuore di Varese. In una viuzza a pochi passi da Piazza Montegrappa, di grande passaggio essendo in mezzo alle vie dello shopping varesino, è aperto da circa un anno il locale La Tigella Bella.

 La Tigella Bella esterno e interno

La tigella è un pane caratteristico di Modena, noto anche come crescentina, che oggi si sta facendo conoscere in altre zone d’Italia grazie ad alcune catene di ristorazione tradizionale veloce che stanno aprendo in Lombardia, Veneto, Piemonte e Sicilia. Una di queste è appunto la Tigella Bella, uno street food che vuole diffondere questa ricetta mantenendo ingredienti genuini e aprendosi anche al mondo vegetariano e vegano. Così il panino piatto e rotondo è arrivato anche a Varese conquistando tutti in pochi morsi. Ma come ha fatto?

Le tigelle

Il locale è stato aperto da un ex calciatore del Varese con la sua compagna, nata in una famiglia toscana con alle spalle una lunga esperienza nella ristorazione. Fuggiti dall’Italia per cambiare aria e dimenticare le delusioni portate dalla realtà calcistica, volevano ricominciare una nuova vita in Australia, ma le cose anche laggiù non sono così semplici e hanno preferito tornare per aprire un locale nella loro città. E hanno deciso di optare per la tigella: a Varese è il solo posto che le fa, costa abbastanza poco, si può mangiare lì o portare via e, per una città frequentata principalmente da studenti, non c’è soluzione migliore.

La Tigella Bella

A Varese è diventata da subito molto popolare non solo per la sua buona tigella, ma anche per la sua storia. Infatti oggi giorno, dove molti giovani preferiscono farsi una vita fuori dalla realtà italiana dove tutto sembra migliore, è curioso sentire di questi due ragazzi che invece tornano a Varese per aprire un locale mentre tutti gli altri chiudono. E la città ha dimostrato subito i suoi ringraziamenti: dopo diversi articoli sui giornali di provincia e interviste per blog e pagine Facebook, Varese ha fatto di questo take away un successo personale.

Articoli La Tigella

Soprattutto in un periodo in cui la fissazione per la salute sta andando in cima alle nostre preoccupazioni e i McDonald’s chiudono, tutti sono alla ricerca di un pasto veloce, senza però sentirsi in colpa ad ogni boccone. La tigella per i varesini è stata la risposta. C’è un’ampia scelta di farciture vegetariane,  ma puoi scegliere anche l’impasto vegano per uno spuntino salutare. Il posto è molto piccolo, ci sono un paio di banconi dove ci si può sedere nelle giornate piovose o se si vuole fare una pausa più lunga. Altrimenti ordini la tua tigella e ricominci la passeggiata. Per quanto sia un locale molto spartano, i proprietari sono gentili e sorridenti e fermarsi per un pranzo o una cena veloce è sempre piacevole. Noi Nuokers qui ci sentiamo a casa nostra: possiamo chiacchierare, tirare fuori un libro o scattare qualche foto senza alcun problema.

tigella interno

Molte parti del menù variano a seconda della stagione e delle proposte degli chef. Noi abbiamo assaggiato una tigella con mortadella e salsa ai carciofi, delicata e davvero gustosa. La consistenza della tigella è a metà tra quella di una piadina e quella di un panino: è più spessa della prima, ma decisamente più morbida della seconda. Si impregna bene di salsa, così da gustarsi la sua bontà fino all’ultimo morso. Se siete più per i sapori decisi, allora vi consigliamo di provare la versione con il roastbeef, che viene salato e condito con l’olio prima di essere posto tra le due fette di crescentina. Ma ci sono anche soluzioni più leggere, come il tonno o le sole verdure. Se invece non credete proprio che una tigella possa saziarvi, c’è la Tigellona, in misura extra large e, se a differenza di noi avete ancora un angolino da sfamare oppure passate di lì solo per una merenda, provate anche la tigella dolce.

Tigella roastbeef

Se nessuna delle proposte convince il vostro palato potete creare la vostra tigella personale, scegliendo i vari ingredienti da metterci dentro. Così da accontentare proprio tutti. Un altro fattore che ha messo in cima alle nostre preferenze la Tigella è che, a differenza di molti panini, crescioni, panzerotti o piadine, per quanto possa essere piena di salsa o di mozzarella filante, è davvero difficile rovesciarsi addosso tutto il suo contenuto. Per quanto si impregni, la tigella resta sempre compatta! Ideale quindi da mangiare in giro senza ritrovarsi con una macchia di sugo sul vestito.  Se siete degli sbrodoloni come noi, e quando vedete del cibo l’ultimo vostro pensiero è mangiare con calma per non sporcarvi, con la Tigella potete continuare a essere voraci senza preoccupazioni.

Tigella al tonno

Non vi resta che rifugiarvi al calduccio del locale in una di queste giornate di freddo invernale e provare la saporita tigella. Se siete fortunati e beccate un bel sole, a Varese è vietato chiudersi dentro in un locale. Perciò ordinate le vostre tigelle e andate a sedervi su una panchina di una delle vie storiche del centro, oppure in uno dei giardini della città, altrimenti, se siete in macchina, raggiungete il lago e gustatevi il vostro pasto su un prato verde attorniati dai boschi. Buona giornata!

, , , ,