pistojah

Coffee Time

La Tuscan Chocolate Valley tra Firenze, Pisa e Pistoia

10 dicembre 2012

Non molti sanno che i Maya, oltre ad aver decretato la presunta fine del mondo, erano anche grandi appassionati di cioccolato, tanto da chiamarlo kakaw uhanal, “cibo degli dei”. E in effetti il cioccolato qualcosa di speciale ce l’ha: in un attimo riesce a rallegrare l’umore e ad addolcire i nostri palati.

A distanza di migliaia di anni, il cioccolato si è lentamente insediato in Toscana, in un’area che potremmo definire come un “triangolo dell’eccellenza”. Stiamo parlando della zona compresa tra Firenze, Pistoia e Pisa, dove attualmente risiedono grandi mastri cioccolatai e produttori di premium chocolate di livello internazionale. Noi di nuok vi porteremo alla scoperta di due tra i migliori maestri del cioccolato della cosiddetta Tuscan Chocolate Valley.

Per iniziare il nostro percorso alla scoperta di questi “artigiani della dolce vita”, come sono stati definiti qualche anno fa dal New York Times, abbiamo scelto il negozio di Roberto Catinari, situato lungo la “vecchia pratese” (la strada statale che collega Pistoia con Prato), in prossimità di Agliana.

La bottega – piccola, spoglia, quasi malinconica – cela in realtà dei prodotti di qualità eccezionale. Entrando, ci troviamo di fronte a una vetrina stracolma di prelibatezze; la scelta è vasta, dalla frutta candita ricoperta di cioccolato alle “schiacciate di cioccolato”, guarnite a scelta con pezzi di nocciole, mandorle, pinoli o uvetta.

Gli scaffali, cosi come tutti gli interni del locale, ricordano i vecchi alimentari di quartiere; non lasciatevi condizionare dall’abito, perché il monaco contiene prodotti di altissimo livello. Oltre alle classiche tavolette, ai lingotti e alle sculture di cioccolato, è possibile commissionare creazioni su ordinazione.

Dalla parte opposta rispetto ad Agliana, a Monsummano Terme, non potevamo non fermarci da Slitti. Originariamente una torrefazione di caffè, nata nel 1969 da un’intuizione di Luciano Slitti, verso la fine degli anni ’80 quest’attività si espanse alla produzione e lavorazione del cacao. Il risultato è stato notevole: un crescendo di successi che ha portato il cioccolato Slitti a competere con i migliori del mondo.

Il locale, piccolo ma ben curato, sa molto di fabbrica di cioccolato: accanto al bancone, dove è possibile ordinare caffè e cioccolate calde, è presente una vetrina in cui sono esposti cioccolatini, tavolette e quant’altro. Tutt’intorno, cioccolato in ogni sua forma, dalle creme spalmabili – antagoniste di eccelsa qualità della commerciale nutella – ai tortini di cioccolato con aggiunta di nocciole, riso soffiato o mandorle.

Molto carina anche l’idea del book sharing; ordiniamo un caffè o una cioccolata calda e ci sediamo a leggere un libro tra quelli a disposizione negli scaffali di fronte al bancone. Tornando alle prelibatezze di cioccolata, Slitti è famoso per le sue creme spalmabili. Una menzione particolare va alla “Riccosa”, crema di cioccolato al latte con nocciole delle Langhe, vincitrice in Ottobre della medaglia d’oro agli International Chocolate Awards di Londra.

Come anticipato, sarebbe impossibile descrivere in dettaglio le attività di ogni singolo produttore; tuttavia, ci sentiamo di segnalarvi altri quattro cioccolatai degni di nota. A Pistoia, in piazza San Francesco (o come la chiamano tutti in città, piazza Mazzini) si trova il confettificio Bruno Corsini; all’interno, oltre ai famosi confetti prodotti ormai da quasi un secolo, troviamo delle cioccolate superbe, “capitanate” dal panforte glacé ricoperto di cioccolato, una vera delizia.

In provincia, a Quarrata, ha sede il produttore La Molina, con il neonato shop annesso; un ottimo cioccolato che anche grazie  al design e al packaging ha conquistato il glamour Eat’s del superstore Excelsior di Milano. Da citare, infine, due realtà pisane: Amedei, storico produttore che offre anche visite guidate su prenotazione, e De Bondt, cioccolataio olandese che ha scelto la città della Torre Pendente come sede del suo negozio. La scelta è ampia, difficile resistere!

, , , ,