peris

Let's Eat

Les Philosophes: il vero gusto francese a Parigi

06 aprile 2017

A chi si trova a Parigi, noi di Nuok avevamo già consigliato Fuumi, il primo ristorante di sushi-burrito della capitale francese. Questa volta vi proponiamo invece Les Philosophes, un locale più tradizionale, dove qualità, ricerca e cortesia sono di casa.

les philosophes_parigi

Come è tipico dei bistrot francesi, in questo locale i tavoli sono piccoli e attaccati l’uno all’altro. È normale ascoltare le conversazioni dei vicini e curiosare nei loro piatti prima di ordinare. Les Philosophes è sempre molto frequentato, sia da parigini che da turisti. Il menu è disponibile in francese e in inglese, lingua che parlano anche i camerieri. Ma allora cosa rende Les Philosophes un luogo speciale?

les philosophes_baguettes_parigi

La filosofia su cui si basa la sua cucina, la qualità dei suoi piatti e, più in generale, la gestione del ristorante. Il proprietario, Xavier Denamur, ha intrapreso una vera e propria battaglia a favore del “fatto in casa”. Questo tema è particolarmente sensibile a Parigi dove un numero crescente di ristoranti e panifici utilizza cibi surgelati senza informare il cliente. Les Philosophes assicura che i piatti presenti nel menù sono tutti preparati in loco utilizzando materie prime di qualità e senza l’utilizzo di cibi già parzialmente preparati. Una lista dei fornitori è consultabile sul sito internet del locale e i camerieri stessi sono molto disponibili a parlarvi dell’origine dei prodotti e della preparazione dei piatti. Per chi ama conoscere le cose in anticipo o ha gusti difficili, il menù del giorno è aggiornato quotidianamente sul sito del ristorante.

les philosophes_antipasto_parigi

Les Philosophes si trova nella zona dei Marais, che nei secoli è passata dall’essere quartiere aristocratico, a sede di un’importante comunità ebraica, a quartiere operaio. Negli anni ‘60 la zona è stata protagnista di un progetto di riabilitazione, uno di questi interventi portò alla costruzione del Centre Pompidou. Oggi il Marais è uno dei quartieri più alla moda di Parigi, ricco di gallerie d’arte, negozi di creatori, boutique effimere, gioiellerie e locali interessanti dove fare aperitivo oppure mangiare.
Come il quartiere che lo accoglie, anche la storia del locale è molto interessante. Les Philosophes è stato un luogo di ritrovo di operai russi, fra i quali si narra ci fosse anche Trotsky. Durante l’occupazione di Parigi nella seconda Guerra Mondiale i proprietari del locale, trasformato in ristorante, nascosero una ragazza ebrea che si era rifiutata di scappare. Oggi il locale mantiene un fascino d’altri tempi, ricercato, ma familiare.

les philosophes_sala_parigi

Qualche informazione pratica su Les Philosophes: se volete andarci dopo le 19:30 sappiate che il ristorante non accetta prenotazioni, ma generalmente si trova posto e, se ordinate dopo le 22:00, sarà applicata una maggiorazione di 50 centesimi. I prezzi sono in linea con quelli dei ristoranti di Parigi, ma bassi se si tiene conto della qualità delle materie prime. Per i più golosi Les Philosophes propone, sia a pranzo che a cena, delle formule menu comprensive di antipasto, piatto e dolce, ma anche i piatti à la carte sono molto appetitosi. Se capitate a fine giornata probabilmente alcuni piatti del giorno saranno finiti. Non siate delusi, vedetela come una garanzia della freschezza dei piatti!

les philosophes_pesce_parigi

Il menu propone piatti a base di carne, di pesce e vegetariani. Per diete più particolari il consiglio è quello di scorrere il menù online e, in caso di dubbi, chiamare per evitare di restare a bocca asciutta. Se avete voglia di un piatto di pesce, chiedete il piatto del giorno, che varia a seconda del pescato. Se siete amanti della carne, il cameriere vi chiederà quanto la volete cotta: al sangue, media o ben cotta. Noi di Nuok vi forniamo questo piccolo vocabolario più che tascabile molto utile in caso di bisogno: saignant, à point o bien cuit.

les philosophes_carne_parigi

La scelta dei dolci è molto varia, per i fan del cioccolato consigliamo la mousse, mentre a chi ama il caffè suggeriamo il gâteau expresso, una torta cremosa, non troppo dolce e dal gusto delicato. Per chi vuole invece tentare una vera cena alla francese, scegliete di concludere il pasto con un assaggio di formaggi.

les philosophes_dessert_parigi

 Una volta terminato il vostro pasto non resta che ripartire alla scoperta di Parigi. Potete raggiungere a piedi il Centre Pompidou, l’Hôtel de Ville, la cattedrale di Notre-Dame, giusto per stuzzicarvi. Se avete voglia di visitare un luogo ricco di storia, molto toccante e relativamente poco conosciuto allora l’appuntamento è al 17 di rue Geoffroy l’Asnier. Qui si trova la sede del Memoriale della Shoah, costruito nel Marais per ricordare, come detto sopra, la presenza ebraica nel quartiere. Questo museo ospita una esposizione permanente che racconta lo sterminio degli ebrei francesi, ma anche mostre temporanee molto interessanti e un centro di ricerca e di studi sui temi della Shoah. Il Memoriale merita davvero una visita, sia per i suoi contenuti che per la sua architettura. Uscirete più consapevoli della storia e probabilmente un po’ scossi.

Per concludere con una tappa meno impegnativa lasciatevi guidare dal fascino delle strade nel Marais, scoprirete sicuramente degli angoli di belezza inaspettata come L’Imprévu. Un locale dal decoro retrò, con una personalità unica e con camerieri molto sorridenti. È il classico bar per bere una birra fra amici, accomodarsi sul divano e restarci per ore. La nostra passeggiata nel Marais è finita, dove ci porterà Nuok la prossima volta?

, , , , , , ,