milan

Wish Bag

Tutto il vintage made in Isola

25 novembre 2011

Milano, si sa, è la città della moda: quella delle grandi griffe, di via Montenapoleone e via della Spiga… ma è davvero solo così? Noi di Nuok siamo andati ad indagare in zona Isola, cercando qualcosa di più particolare (ma anche più abbordabile) e siamo capitati nel regno del vintage! In una zona compresa tra le fermate della metro di Porta Garibaldi e Zara, si respira un’aria diversa dalle arterie delle grandi marche: innanzitutto c’è meno smog; sulla strada si trovano mercerie, calzolai e ferramenta, quasi introvabili nel resto della città e si scoprono negozi che già dalla vetrina si preannunciano come scrigni del tesoro.

Particelle Complementari, ad esempio, si affaccia sul cortile del frequentatissimo locale Frida e sulla passerella che conduce all’ingresso ci sono un vecchio frigorifero e una motocicletta. Niente a che vedere con gli atelier di Gucci e Armani. L’ambiente ha il tipico piglio del finto-trascurato: tavoli di legno massiccio, grandi mobili restaurati e provenienti da ambienti inaspettati (uno risale agli anni ’50 ed è stato recuperato da uno studio dentistico), su cui fanno bella mostra di sé abiti e accessori. Oltre al vintage (cappelli, borse e occhiali sono da perdere la testa) Particelle Complementari raccoglie anche abiti, giacche e borse bio-etici, in più stilisti e artigiani possono presentare qui le loro creazioni.

Il tocco in più, però, lo dà la zona uomo, ricca di oggetti come papillon, cravatte e set da barba che potrebbero trasformarsi in un perfetto regalo: originale ed incredibilmente a buon mercato.

Da Le Vintage, invece, ci spostiamo verso l’alto sia con i marchi che con i prezzi. Questo splendido negozio di via Garigliano sembra specializzato in abiti da gran galà, soprattutto da donna. I lunghissimi vestiti sono appesi alle pareti e spiccano come opere d’arte, mentre le scarpe sono racchiuse in piccole nicchie lungo la parete. Qui, la parola d’ordine è qualità. In ogni singolo pezzo si vede tutta l’artigianalità e la cura dei dettagli e si trovano anche marchi importanti. D’altronde, il negozio ha un prestigioso fratello in via Solferino 2, nel cuore della Brera più chic, con il quale condivide parte della collezione.Una nota dolente, a parte gli inevitabili prezzi, è la cortesia dello staff, un po’ troppo avido di parole per chi, come Nuok, è curioso di saperne di più.

L’ultima tappa è invece il minuscolo, ma meraviglioso, Live in Vintage in via Thaon di Revel. Circondato da negozi per appassionati di moto, rischierebbe di passare inosservato, se non fosse per la bellezza degli abiti e degli accessori della vetrina. Tutto (o quasi) proviene da vendite private: signore che svuotano soffitte e vecchi bauli portando a galla tesori del passato.

Splendide le collezioni di guanti e di spille, che monopolizzano l’attenzione. La gentilissima proprietaria è inoltre entusiasta di elargire aneddoti e consigli sui vari pezzi, rendendo l’intera esperienza molto piacevole. L’unica pecca qui è sulle taglie: gonne e pantaloni difficilmente superano la 46, ma ci si può comunque consolare con abiti e maglie davvero incomparabili.

L’alternativa alle grandi catene esiste, quindi, e senza dover sacrificare il portafogli. Basta fare un salto ad Isola.

, , , , , ,