lizbona

Let's Eat

Cura di tapas e cocktail alla Pharmacia di Lisbona

18 luglio 2013

Qualsiasi sia il vostro malanno, con una serata da Pharmacia vi passerà tutto. Entrate attraverso la cancellata in ferro battuto, prendete posto a un tavolino del giardino esterno del Museu da Farmácia di Lisbona e iniziate a godervi la vista del Miradouro de Santa Catarina (sperando che, quando ci capiterete voi, siano già finiti i lavori di pavimentazione di questa bella terrazza sul fiume).

Se siete fortunati come noi, vi capiterà Pedro come farmacista. Con fare impeccabile da lord inglese, vi darà il benvenuto alla Pharmacia e vi consegnerà il prezioso menu-ricettario. Sotto il naso vi verrà messa anche un’irresistibile lista dei cocktail, con tanto di analisi medica per ciascuna proposta alcolica.

Ve ne accorgerete subito: è una location molto allegra, surreale e giocosa. I camerieri sono in camice, l’acqua è servita in un contenitore per soluzioni fisiologiche e i cocktail hanno efficaci proprietà terapeutiche. Da Pharmacia divertimento e stupore sono assicurati.

Dobbiamo confessarvi subito l’unica pecca di Pharmacia, così ci togliamo il dente. Piatti, posate e purtroppo bicchieri sono tutti rigorosamente made in Ikea. Scriviamo purtroppo perchè il piacere di gustarvi uno dei loro sublimi cocktail viene smorzato dalla plastica economica del colosso svedese. E’ un particolare del tutto trascurabile nell’insieme, sia chiaro.

Torniamo al vero motivo che ci ha portato a consigliarvi di provare Pharmacia almeno una volta durante il vostro soggiorno a Lisbona: le tapas. Qui in Portogallo queste prelibatezze le chiamano petiscos e il verbo portoghese petiscar indica proprio l’andar qua e là per locali ad assaggiare e spizzicare piattini della cucina locale. Il vostro farmacista vi esorterà a sceglierne tre da dividere se siete in coppia. La verità è che sono così appetitose che non vi fermerete di certo a quel consiglio. Il costo di ogni piatto va dai 5 ai 9 euro, a seconda dell’ingrediente principe e della laboriosità della preparazione. Noi abbiamo aperto la serata con polpette di patate dolci, formaggio e salmone affumicato.

E abbiamo continuato a sacrificarci con asparagi e prosciutto crudo, ricoperti di salsa di miele caramellizato. Una delle migliori scelte, se siete indecisi su come iniziare la cena.

Non aspettatevi di venire qui per fare una vera propria cena. Ne uscirete più che sazi, ma dovete arrivare da Pharmacia con un approccio molto rilassato e curioso verso i piatti. Tra le altre tapas proposte ve ne consigliamo tre. Polpettine di anatra accompagnate da marmellata di agrumi e cannella, il nostro piatto preferito.

E l’immancabile bacalhau. Sia su bruschetta, che su un letto di ceci e peperoni saporitissimi.

Anche il dolce viene proposto in versione tapas. Ecco tre assaggi dei dolci del giorno: crumble di pere, creme brule e mousse al cioccolato. Sono molto buoni, ma essendo dolci che potete tranquillamente trovare anche in Italia, ordinateli solo se siete irreamediabilmente golosi e in forte carenza di zuccheri come noi!

Il conto vi viene consegnato in un barattolino sterilizzato.

Per chi si siede all’esterno sono previste solo tapas, ma se preferite una cena con piatti più sostanziosi, allora chiedete un tavolo dentro, magari a fianco della vecchia poltrona usata per gli interventi alle adenoidi negli anni ’50. In questo caso, vi aspetterà un menu a sorpresa: segnalate al farmacista cosa non vi piace e le vostre allergie, e in base alle vostre indicazioni i medici in cucina inventeranno la formula della cena più adatta a voi! Non abbiamo ancora provato il servizio ristorante vero e proprio, ma torneremo presto in missione.

Ancora un piccolo inciso riguardo i bagni. Attraversate la sala interna allestita come una vera e propria farmacia (con tanto di bancone, carrellini, armadietti per i medicinali e alambicchi) e superare la porta che vi verrà indicata: da qui in poi sarete abbandonati a voi stessi all’interno del Museu da Farmácia. Dovrete andare un po’ a intuito: camminate lungo il corridoio circolare che affaccia con una larga balconata sul primo piano e arrivati davanti ad un grande specchio, andate a sinistra per i bagni delle donne e a destra per gli uomini. Anche questa è un’esperienza che non può mancarvi a Lisbona. Se volete tornare a visitare il Museo in orario di apertura, vi basterà presentarvi qui dal lunedì al venerdì, dalle 10 ale 18 di sera. Magari date prima un colpo di telefono al +351 21 340 06 80.

Il rapporto qualità prezzo di Pharmacia è più che accessibile. Con tre tapas e due cocktail ve la caverete con meno di 20 euro a testa. Ricordatevi che le prenotazioni vengono accettate solo se volete un tavolo dentro con degustazione a sorpresa. Altrimenti, chi prima arriva meglio alloggia nel bellissimo giardino. Se poi siete troppo stanchi dopo questa cura intensiva, per tornare a casa servitevi dei vicinissimi Elevador da Bica e Tram 28. Buona cena e… Buona guarigione!

, , , ,