grhosseto

Let's Eat

Sapori di casa alla Trattoria da Fedio ad Ampio

04 ottobre 2016

Nel 1953 inizia la storia della Trattoria da Fedio, che da bottega di campagna, nel tempo, si è trasformata in ristorante. È una storia di famiglia, di paese e degli oggetti che troviamo all’interno, ognuno arrivato lì da strade diverse. Potremmo definirla una storia d’amore. Un sentimento rivolto alla terra e ai suoi frutti che ritroviamo nei coloratissimi piatti, al luogo in cui si è nati, alla Maremma. La trattoria si trova ad Ampio, una frazione del comune di Castiglione della Pescaia (Grosseto), in pratica una strada e quattro case. Località così tinteggiano tutta la Maremma e se non state attenti, attraversandole in macchina, rischiate di non vederle. Ebbene, tra le quattro case di Ampio si nasconde un gioiello: la Trattoria da Fedio. Il nome per intero sarebbe il Bivio, Trattoria da Fedio”. Il bivio perché sorge su un crocevia, e Fedio…beh scopritelo voi!

Trattoria da Fedio_esterno

Partendo da Grosseto imboccate la Strada Provinciale del Padule, che in estate si riempie di girasoli, immergetevi nei campi e svoltate per Tirli. La stessa strada si può prendere da Castiglione della Pescaia. Arrivati ad Ampio noterete un casolare, l’esterno è rosso, porta i segni del tempo e della natura, e in alto c’è una grossa scritta: Trattoria il Bivio.

Fedio_ingresso

La saletta interna ha il colore del cielo che circonda il ristorante all’imbrunire. Dopo aver superato un piccolo corridoio, ecco il vero segreto di questo posto, un pergolato dove si intrecciano vite americana, edera e gelsomino sotto il quale è possibile trascorrere le sere estive o i pranzi autunnali finché il sole lo permette, tanto lo sappiamo che a Grosseto l’inverno è sempre un po’ pigro.

Fedio_interno

Fedio_Pergolato

L’arredo è curato nei minimi dettagli. I bicchieri, i piatti, le bottiglie, sono diversi l’uno dall’altro nel colore e nella forma. Noi abbiamo pensato che fosse così perché, come a casa, dopo qualche anno le stoviglie cominciano a rompersi e, senza buttare le vecchie, se ne comprano di nuove, fino a ritrovarsi con un servizio composto da bicchieri e piatti differenti tra loro. Il proposito della trattoria è molto più nobile in realtà. Al momento della sua nascita le persone coinvolte o vicine alle proprietarie hanno donato qualcosa. Anche le mattonelle sulle pareti sono un regalo. Quindi sui tavoli si intrecciano stili, epoche e storie diverse che ogni giorno hanno ascoltato le parole di chi si è seduto lì, arricchendosi di altri racconti.

Fedio_tavolo

Ci sarebbe ancora molto da dire, ma vogliamo lasciarvi il piacere della scoperta e, se nel frattempo vi è venuta fame, mettetevi comodi! Ancora prima di aprire il menu vi saranno offerte delle frittelle di ricotta senza eguali. Per iniziare vi consigliamo l’antipasto misto, quello che i maremmani non si stancheranno mai di mangiare, ma che accontenterà anche chi non è del posto. È un piatto con tutto: salumi, verdure sott’olio fatte in casa e crostini. Questi sono sempre diversi con un’unica certezza, il crostino toscano: sì, quello di fegatini e non vi schifate perché qui anche i bambini ne sono ghiotti. C’è anche la possibilità di ordinare la variante vegetariana.

Fedio_Antipasto

Per proseguire potete ordinare un piatto di pasta fatta in casa, come gli gnocchi o i tortelli al ragù. Se volete essere ancora più maremmani optate per le pappardelle al cinghiale, se invece preferite un sugo green, allora scegliete zucchine e menta. Anche i secondi piatti rientrano nella tradizione locale.

Gnocchi_Grosseto_Ampio_trattoria_Fedio

A fine cena, con la carta dei dolci, vi sarà offerto del limoncello e, dando un’occhiata agli altri tavoli, noterete che nessuno avrà la bottiglia uguale alla vostra. Qualora l’atmosfera vi invogli a restare, potete continuare a chiacchierare sotto il pergolato davanti a una tazza di infuso fatto con i prodotti che la dispensa offre. Ancora una volta non c’è niente di stabilito, quindi provate a scoprire con cosa è fatto il vostro, a noi era toccato pepe rosa e limone.

Dolci_Fedio

Qualsiasi cosa abbiate deciso di ordinare, sappiate che è preparata con i prodotti del luogo. Dal pane di Tirli, alle verdure del contadino, persino la frittura viene fatta con l’olio d’oliva. I sapori ricordano i pranzi in famiglia la domenica a casa delle nonne, dove si fa tutto all’ultimo momento ma tutto è sempre speciale e dove se le sedie non bastano se ne prendono alcune in cantina, che infatti saranno diverse dalle altre. La Trattoria da Fedio è un posto magico, in cui ogni cosa ha una propria vita, ma ci ritroverete sempre un pezzetto di casa vostra. Questo infatti era il proposito al momento della sua nascita: creare un luogo in cui potersi sentire come a casa.

, , , , ,