grhosseto

Let's Eat

La perfetta cena di Natale Al Numero Nove di Grosseto

17 dicembre 2016

Dicembre è un mese magico, nessuno può negarlo: ci sono gli addobbi natalizi, le musiche a tema, le luci e soprattutto il cibo. Oltre al fatidico pranzo del 25 o al cenone della vigilia, le occasioni per mangiare e stare in compagnia in questo periodo sono tante quante le caselline del calendario dell’avvento: non avete già l’agenda piena di “cene di Natale”? Se tutte le vostre fantasie sono state impiegate nella ricerca dei regali più originali per i vostri amici, rilassatevi. La location perfetta dove scambiarli ve la suggeriamo noi di Nuok.

Il ristorante Al Numero Nove, così chiamato perché si trova al civico 9 di via degli Aldobrandeschi, nel centro storico di Grosseto, è quel che si dice una certezza, non solo a Natale, ma durante tutto l’anno. L’atmosfera intima e le luci calde lo rendono adattissimo per una cena romantica, una serata con gli amici più cari o con quelli che non si vedono da tempo, con i quali rimanere seduti a tavola a chiacchierare anche dopo il dessert. Questo posto scalda davvero tutti i cuori e perciò è l’ideale per il clima natalizio.

Ristorante_al_numero_9_grosseto_via_aldobrandeschi

L’intera via in cui è situato il locale sembra regalarvi queste sensazioniCi sono cassette di legno ai muri da cui fuoriescono piante e fiori a cascata, una panchina bianca con i cuscini colorati e  tavoli a delimitare l’ingresso che fanno da base a libri, candele, cesti di vimini e tutto ciò che il caso ha voluto che si depositasse lì. E che i clienti non possono fare a meno di guardare incuriositi.

Ristorante_al_numero_9_grosseto_ingresso_via_aldobrandeschi_centro_storico

Cenare_a_grosseto_ristorante_al_numero_9

L’interno prosegue nello stile dell’esterno. Le pareti sono cariche di foto, stampe, spartiti musicali e quadri di tutte le dimensioni, appesi ovunque ci sia spazio. Vi faranno venire in mente una versione più sobria della wunderkammer. Dal soffitto pendono acchiappasogni di ogni fattezza e le mensole sorreggono il peso di infiniti barattoli di conserve e piccole damigiane. Persino il bagno è decorato con cartoline, lettere e immagini vintage e l’attaccapanni sulla porta è colmo di cianfrusaglie, scorgerete anche delle scarpine da neonato. Tutti questi oggetti sembrano provenire da tempi lontani, eppure hanno un qualcosa che li rende estremamente familiari.

Ristorante_al_numero_nove_grosseto_centro_storico_interno

Ristorante_al_numero_nove_grosseto_interno_bagno

Il menu ha una copertina di stoffa ed è decorato con i brillantini, i piatti del giorno invece sono scritti sulla grande lavagna dietro al bancone e variano di volta in volta. Gli antipasti vanno dai classici taglieri al carpaccio di pesce, ma se siete in compagnia di persone speciali, come l’atmosfera richiede, vi consigliamo di condividere con loro una porzione di crostini misti. Vi porteranno tre coppette con differenti salse e sarete voi a spalmarle sulle fette di pane croccante tra un discorso e l’altro.

Ristorante_al_numero_9_grosseto_centro_storico_antipasto

Anche i primi piatti sono da “comporre”, scegliete la pasta e conditela col sugo che più gradite: dal tradizionale ragù di cinghiale (del resto siete in Maremma!) a qualcosa di più delicato come ciliegini, rucola e pinolisecondi piatti sono di carne, di pesce o vegetariani come le melanzane alla parmigiana o l’uovo al tegamino con crema di tartufo e formaggi…vi aspettavate forse un’insalata? Aggiungete a tutto questo le proposte del giorno sulla lavagna, così decidere sarà davvero complicato. Anche i dolci variano ogni volta, ma sono sempre squisiti, vi consigliamo di lasciare un piccolo spazio nella pancia! Il conto non è affatto da temere. Per esempio, se decidete di condividere un antipasto e godervi tutto per voi un primo e un dolce, accompagnati da acqua e vino, la cifra finale sarà intorno ai 20 euro. E vi alzerete da tavola sazi, possiamo assicurarlo! Ristorante_al_numero_nove_grosseto_cenare_pasta_dolce

Il ristorante Al Numero Nove è un posto in miniatura che sembra uscito da una fiaba. Ci sono soltanto due file di tavoli che occupano la saletta lunga e stretta, è consigliata quindi la prenotazione. Anche se non è raro vedere grandi tavolate, a noi piace pensare che questo posto sia per gli amici di vecchia data che si ritrovano dopo tanto tempo e si raccontano mesi di vita assaporando del buon cibo. È proprio per questo che vogliamo consigliarvelo per lo scambio dei regali, se siete in cerca di una serata tranquilla in un posto che crei la giusta atmosfera. A chi passerà da fuori, sbirciando dalla porta a vetri, sembrerà di vedere una scena di quei film sempre in onda il giorno della Vigilia, quelli che davvero fanno essere tutti più buoni.

, , , ,