bulsan

Day Trip

Un fine settimana a Merano, tra gusto, colori e benessere

11 maggio 2017

Quando guardando fuori dal finestrino del treno con direzione Brennero, le forme del paesaggio iniziano a cambiare e la linea di vette sempre più alte si staglia all’orizzonte: si respira già il profumo dei verdi pascoli e dello speck ben stagionato. Noi di Nuok abbiamo fatto con piacere le valigie per voi, e siamo andati in trasferta nel paradiso alpino del Südtirol, precisamente nella ridente cittadina di Merano. Capoluogo della comunità comprensoriale del Bugraviato, Merano rappresenta il perfetto connubio per chi vuole vivere e respirare l’aria di montagna senza abbandonare le opportunità e le lusinghe della città. Proprio con il 2017 si spengono ben settecento candeline per festeggiare i sette secoli di vita di un centro abitato che da sempre si configura come punto di riferimento della regione, sia dal punto di vista turistico, naturalistico, che culturale.

panorama_meran

La primavera meranese ci accoglie a braccia aperte, con le sue molte iniziative, le sue coloratissime aiuole e le “figure floreali” sparse per il centro, sculture uniche e particolari che al meglio rappresentano la creatività degli artisti che le hanno ideate. Merano si configura come una città che fa del turismo uno dei suoi punti di forza, soprattutto dall’Ottocento in poi, anni in cui l’evoluzione in ogni ambito si accelerò notevolmente, rendendola, così, meta prediletta dell’aristocrazia asburgica e prussiana, oltre che di quella inglese, francese e russa.

fiori_meran

fiume_meran

Emblema di questo periodo di centralità in ambito mitteleuropeo, è l’affascinante figura dell’imperatrice Elisabetta d’Austria, la cui leggenda riecheggia in ogni angolo di Merano. Sissi è l’illustre ospite di un giardino a lei dedicato, al cui centro troneggia la sua bianca statua, debitamente circondata dalla fioritura di crochi lilla. Il giardino di Sissi è una tappa immancabile della Passeggiata d’Estate, un percorso rilassante immerso in una ricca vegetazione di cedri, pioppi e pini, che proteggono dal sole nelle cocenti giornate estive. Dirimpettaia vi è la gemella, la Passeggiata d’Inverno che, invece, si caratterizza per la presenza di un porticato in stile Liberty, a protezione dal vento e dalle diverse intemperie delle stagioni fredde. Non possono passare inosservate le magnifiche pitture murali che rappresentano le località più famose dell’Alto Adige, da Bolzano a Bressanone, fino ad arrivare alla fiabesca Ortisei della Val Gardena.

passeggiata2_meran

Entrambi i percorsi corrono lungo il fiume Passirio, l’arteria della città che ha da sempre un rapporto privilegiato con l’elemento acquatico. Emblema di questo legame indissolubile sono le terme di Merano, una vera e propria oasi di benessere a un passo dai negozi del centro. La struttura dall’architettura contemporanea, che comunque bene si armonizza con un paesaggio più tipicamente altoatesino, offre servizi per la cura del corpo a 360 gradi. Oltre alle venticinque piscine, interne ed esterne, alle saune, e ai diversi percorsi prestabiliti e consigliati, le terme meranesi comprendono anche un ottimo servizio di spa e di Medical spa, un ristorante e spazi adibiti al gioco e alla cura dei bambini. Lasciate fuori, dunque, stress e cattivi pensieri, e concedetevi, magari in una giornata di pioggia, del tempo in completo relax, da soli o con la vostra famiglia, senza assolutamente spendere una fortuna!

terme_meran

Ma se siete temerari e vi piace macinare chilometri, a piedi o con la bici, noi di Nuok vi proponiamo un suggestivo itinerario che tocca tutti i luoghi principali che ancora hanno qualcosa da raccontare sui soggiorni dell’imperatrice Elisabetta d’Austria. Il Sentiero di Sissi, appunto, collega il centro di Merano con il meraviglioso Castello di Trauttmansdorff, circondato da un incantevole complesso di giardini fioriti, assolutamente da non perdere! Per i meno avventurosi consigliamo di usufruire del servizio bus, veloce ed economico. Per quanto riguarda più nello specifico il parco che circonda il maniero, si snodano in ben quattro percorsi, Boschi del mondo, i Giardini del sole, i Giardini acquatici e terrazzati, e, infine, i Paesaggi dell’Alto Adige.

giardino_meran

Questi, insieme a tre sentieri panoramici, permettono al visitatore di accedere ad oltre ottanta differenti ambienti botanici che raccolgono piante provenienti da ogni parte del mondo. Notevole è la presenza della Wollemia nobilis, una vera e propria rarità nell’ambito della botanica, originaria d’oltreoceano, che non può che emozionare i veri appassionati in materia. Se preferite i più rassicuranti sapori e odori mediterranei, vi attendono distese di ulivi, girasoli e lavande; se, altrimenti, vi affascinano gli ambienti asiatici, il laghetto di ninfee, con carpe e fiori di loto sono lì per voi.

giardino2_meran

I giardini di Castel Trauttmansdorff  affascinano in ogni stagione, passando dal romantico foliage autunnale al profumo e alla luminosità di camelie e narcisi. Vi consigliamo, inoltre, di controllare bene gli orari di apertura e chiusura dei giardini e di recarvi alla biglietteria fino ad almeno tre ore prima dalla chiusura, in modo da poter avere a disposizione il tempo necessario per riuscire a visitare il complesso con la giusta tranquillità, magari facendo una breve sosta ai caffè per gustarvi un buon gelato.

trauttmandsdorf_meran

Colpiscono la vastità e la varietà degli ambienti, i riflessi dei mille colori che si rincorrono, angolo dopo angolo, e la cura con cui tutto ciò viene tenuto insieme e offerto al visitatore. Consigliata è la visita durante le aperture serali nella stagione estiva, per poter godere di piacevoli iniziative che conciliano la gastronomia con la musica dei concerti all’aperto. Da non perdere sono poi le mostre temporanee, sempre improntate su una filosofia che ha nell’interattività e nell’orientamento giocoso e didattico le proprie linee guida, per intrattenere sia grandi che bambini. Altra tappa immancabile per completare il tour, è il Touriseum, un museo “vivo” che racconta attraverso venti sale, in modo creativo e innovativo, i duecento anni di storia del florido turismo nell’area alpina.

torrente_meran

Se camminare vi ha stuzzicato l’appetito e il vostro orologio segna l’ora di pranzo, seguiteci al ristorante Forsterbrau, uno storico e spazioso locale in centro in cui gustare degli ottimi canederli in brodo, o degli spatzle di spinaci con panna e speck, bevendo una freschissima birra locale. Pur essendo il menu piuttosto ampio, noi di Nuok vi consigliamo di preferire sempre i piatti tradizionali della cucina tirolese e di certo, parola nostra, non vi alzerete da tavola con dei rimpianti!

forst_meran

Dopo un po’ di meritato riposo e ristoro, vi invitiamo a girare il piccolo e delizioso centro storico di Merano per un immediato tuffo nel Medioevo. Via dei Portici è una tappa fondamentale per chi volesse respirare l’atmosfera dei centri abitati altoatesini e volesse dedicarsi a un po’ di shopping, tra prodotti enogastronomici tipici e particolarità artigianali del luogo. Una tappa da segnare è sicuramente il Duomo meranese che sorge alla fine dei Portici, dall’architettura interamente in stile gotico. Splendidi sono i diversi affreschi sulla facciata esterna, come il portale e il rosone, decorati riccamente.

corso_meran

Colpiscono, inoltre, due veri e propri gioielli dell’arte liberty: il Kurhaus e il teatro Puccini. Il primo è un palazzo polifunzionale che ospita anche eventi particolarmente acclamati, come l’annuale Merano WineFestival; il secondo vanta una storia di tutto rispetto, raggiungendo il massimo dello splendore all’inizio del XX secolo. Per qualsiasi informazione e per una conoscenza più dettagliata di tutte le opportunità che Merano offre, vi consigliamo di visitare l’ufficio dell’Azienda di Soggiorno nel quale troverete personale qualificato e moltissimi cataloghi e brochure per soddisfare ogni vostro capriccio ed esigenza.

cattedrale_meran

Se poi non desiderate altro che assaggiare e comprare tutte le specialità e le ghiottonerie che il Sudtirolo riserva, abbiamo il posto per voi! Non ci dobbiamo spostare dal centro e qualche più passo più in là dell’Info Point Turistico troverete Pur Sudtirol, un vero e proprio ponte tra cliente e produttore, che vede nell’esaltazione delle ottime materie prime enogastronomiche altoatesine la sua grande ricchezza, nonché punto di forza. Da Pur Sudtirol troverete i caratteristici asparagi bianchi, marmellate e infusi di fiori, ottimi vini delle cantine locali, tagli di speck e canederli sottovuoto, pronti per affrontare un eventuale viaggio di ritorno, ogni tipo di pane che la vostra fantasia possa immaginare, e ottimi dolci, dal classico strudel, alla torta di mele e cioccolato. Inoltre, potete sedervi in sala e gustare un delizioso aperitivo, sorseggiando un calice e deliziandovi con i salumi e i formaggi del posto.

canederli_meran

Per quanto riguarda il soggiorno, noi di Nuok siamo stati gentilmente ospitati dall’Hotel Westend. Palazzo in stile liberty del 1896, il Westend si affaccia sul fiume Passirio ed è situato a pochi passi dal centro. La struttura nasce e cresce sempre in mano alle due famiglie di albergatori che lo hanno preso in gestione: i Kainzwalder lo hanno rilevato nel 1907 per poi lasciarlo all’attuale proprietario, Alexander Strohmer, nel 1983.

westend2_meran

Attualmente il palazzo e il giardino circostante sono in ristrutturazione. Nella bella stagione questo spazio verde offre ogni comodità all’ospite che può prendere il sole su comode sedie sdraio, o prendere un tè, tra fiori e i suoni che la natura riserva. Per quanto riguarda il menu del Westend, si passa dalle specialità tirolesi, tra cui gli spatzle e gli ottimi ravioli ripieni di asparagi bianchi, ai piatti forti della tradizione culinaria nazionale. La colazione incontra ogni esigenza e gusto; si può, quindi, scegliere tra il classico pasto internazionale e salato, e la variante dolce con cornetto e cappuccino. Il Westend è il posto giusto per gli amanti delle atmosfere di un tempo che vogliono godersi qualche giorno in tranquillità a Merano.

westend_meran

La nostra breve avventura finisce qui. Rifacciamo le valigie e ci rimettiamo in viaggio, ancora una volta, lasciando a malincuore una vera e propria perla dell’Alto Adige, una città all’avanguardia sotto diversi punti di vista che non lascia mai indietro la sua vocazione alla tradizione. Noi di Nuok ci siamo immersi nella natura per voi, ci siamo meravigliati della sua assoluta bellezza, abbiamo assaggiato e osservato ogni angolo di una Merano che vi attende con novità e sorprese, stagione dopo stagione.

, , , , , , , , , , ,