berghem

Urban Safari

A Bergamo tra caffetterie di design e librerie indipendenti

21 settembre 2016

Senza dubbio ogni bergamasco in trasferta si sarà sentito dire almeno una volta nella vita, dopo aver dichiarato la propria provenienza, la famosa frase “Ma… Berghem de sura o Berghem de sota?” – chiaramente storpiata perché si sa che il dialetto locale non è proprio semplice. Già, perchè tutti sanno che Bergamo è suddivisa in una parte alta e una bassa: Città Alta è la parte sul colle, ancora circondata dalle mura costruite dai veneziani durante la dominazione della Serenissima mentre Città Bassa, è appunto la parte bassa che in seguito a interventi di urbanizzazione sembra più moderna, nonostante altrettanto antica. Ed è proprio nel centro della Città Bassa che noi di Nuok vogliamo guidarvi oggi! Sicuramente Città Alta spicca per il suo fascino medievale e la sua posizione più appariscente rispetto alla controparte Bassa, ma non rinunciate a una giornata all’insegna dello shopping e quattro chiacchiere davanti a un buon caffè nel centro principale di Bergamo.

bergamo_porta_nuova

Partiamo per il nostro piccolo tour dal punto che chiunque conosce a Bergamo: Largo Porta Nuova, dove durante le ore di punta il traffico si fa più intenso e un viavai di liceali e lavoratori affolla i marciapiedi in attesa dell’autobus. In caso arriviate dalla stazione ferroviaria, dovrete semplicemente percorrere tutta via Papa Giovanni XXIII fino ai due Propilei e vi ritroverete in neanche dieci minuti nel cuore della città. Ecco, ci siete! Superate i Propilei e girate subito a sinistra imboccando il primo luogo del nostro urban safari, ovvero via XX Settembre. Questa è la via principale dove si può fare shopping a Bergamo. Durante una giornata dal meteo un po’ incerto come quella della nostra visita è sicuramente il luogo l’ideale per fare una passeggiata, guardare le vetrine o fare qualche compera da soli o in compagnia.

bergamo_via_xx_settembre

In via XX Settembre troverete qualsiasi cosa desideriate: dai negozi di abiti alle profumerie, dalle caffetterie ai ristoranti, dal low cost a qualcosa di molto più raffinato. Ce n’è sicuramente per tutti i gusti e infatti potrete vedere passeggiare adolescenti appena usciti da scuola, cittadini a spasso col cane o signore con numerosi sacchetti tra le mani. Via XX Settembre termina in Piazza Pontida, dove anche durante il periodo invernale troverete dei tavolini esterni dei vari bar del sottoportico, affollati di gente che si gode la bellezza architettonica della città sorseggiando qualcosa.

bergamo_piazza_pontida

Noi di Nuok però vi consigliamo di non fermarvi tra la folla ma di uscire dalla piazza verso sinistra e attraversare la strada, entrare in via San Bernardino e proseguire per qualche minuto, finché non trovate sulla destra l’Artisan Café. L’Artisan Café è un’ampia caffetteria dall’arredamento essenziale che ci fa sentire a casa: i mattoni a vista, il legno chiaro, le lampadine che pendono dal soffitto creando una bella atmosfera dalla luce soffusa e le comode poltrone ci invitano a fermarci anche per ore a lavorare al computer, leggere, scrivere e studiare. Durante il periodo estivo potete anche accomodarvi nel cortile esterno, dove i muri bianchi sono abbelliti con giardini verticali. Fermatevi a bervi un caffè o un aperitivo e, prima di andare a pagare, non scordatevi di fare un giro nell’Artisan Shop che troverete oltre al cortile, dove sono in vendita creazioni artigianali dal design molto particolare.

bergamo_artisan_cafe_1

bergamo_artisan_cafe_2

bergamo_artisan_cafe_3

Dopo esservi rilassati in caffetteria, sulla via del ritorno verso il centro città, vi consigliamo di fermarvi a curiosare nella libreria indipendente Incrocio Quarenghi. Come suggerisce il nome, si trova all’inizio di Via Quarenghi, parallela a Via San Bernardino. La vetrina attirerà sicuramente l’attenzione dei lettori più accaniti che approveranno la scelta della proprietaria di esporre su uno scaffale di cartone pressato le migliori edizioni dei libri in vendita perché si sa che anche l’occhio vuole anche la sua parte e a tutti è capitato di giudicare il libro dalla copertina… Che questo sia sbagliato oppure no, noi non lo sappiamo, ma sicuramente entrando vorrete comprare tutti i libri che vedrete, suddivisi in sezioni che solitamente nella maggior parte delle librerie non si trovano, come ad esempio “Viaggi in Oriente” o “Letteratura Sud Africana”.

bergamo_libreria_incrocio_quarenghi
Le edizioni rare e particolari non saranno l’unica cosa che vi colpirà di questa libreria: se siete appassionati di scrapbooking, origami e articoli di cancelleria, qui troverete tantissime cose che vi faranno impazzire direttamente importate dal Giappone. Quadernini, agende, biglietti di auguri dai colori pastello, borse di tela, carta da origami… c’è da sbizzarrirsi! Ma le sorprese che questa libreria ci riserva non finiscono qui: se avete dei bambini portateli, saranno felicissimi di fermarsi leggere un bel libro nella sezione a loro dedicata, sdraiati sul Tatami (la stuoia che in Giappone si utilizza per ricoprire il pavimento nelle case tradizionali). Sul retro della sala principale invece, percorrendo un corridoio dove sono esposti i libri d’arte, architettura e design, troverete un grande tavolo dove potete accomodarvi a leggere (anche il quotidiano) mentre bevete un espresso o un cappuccino.

bergamo_libreria_incrocio_quarenghi_2

Qui la libreria organizza anche corsi di lingue orientali e incontri letterari. Insomma, cosa si può volere di più da una libreria che oltre a vendere libri e cartoleria esotica organizza anche incontri culturali e permette di fermarsi a leggere qualcosa? Non avete scuse per non fermarvi, anche con prole al seguito. L’unico inconveniente potrebbe essere che i vostri bambini vorranno farsi comprare qualche libro dalle illustrazioni dolcissime.

E così il nostro urban safari termina qui, ma solo per oggi: Bergamo ha ancora moltissimo da offrirvi e scorci spettacolari che ve la faranno apprezzare non meno di altre mete Italiane molto più conosciute.

, , , ,