ankona

Let's Eat

Pasta Fresca come una volta da Filotea ad Ancona

02 dicembre 2015

Se siete alla ricerca di un locale che offre prodotti legati alla tradizione, oggi noi di Nuok vi suggeriamo quello che fa per voi: il Filotea Pasta Experience, ad Ancona. Filotea è un’azienda  giovane, nata pochi anni fa, la cui mission risulta davvero vincente: quella di seguire fedelmente la ricetta della tradizione marchigiana per la pasta fresca, aggiungendo degli accorgimenti speciali per farla durare fino a due anni. Direttamente nello stabilimento produttivo, sito ad Ancona, Filotea ha creato uno spazio apposito, il Pasta Experience appunto, allestito con buon gusto e semplicità,  con lo scopo di degustare a pranzo e a cena la paste prodotta direttamente dall’azienda. Ogni giorno infatti il locale propone una scelta di tre o quattro tipi di pasta, con la possibilità di abbinarla ai sughi freschi del giorno.

insegna_filotea

La soluzione che vi consigliamo è quella del menù fisso a pranzo: con nove euro, infatti, Filotea propone un antipasto, un piatto (abbondantissimo si!) di pasta, e un caffè. Qualora vogliate un buon calice di vino della tradizione marchigiana, o un boccale di birra artigianale bio, il prezzo sale a dodici euro. La nostra “Experience” comincia fin dall’ingresso del locale: il personale è di una gentilezza squisita, i tavoli sono ricavati da dei bancali di legno, all’interno dei quali sono adagiate delle matassine di pasta fresca. Il locale è un grande open space in cui, oltre allo spazio dedicato alla degustazione, sono presenti degli scaffali dove sono in vendita tutti i tipi di pasta prodotti, e una vasta scelta di barattoli di sughi per condirla. Le pareti sono totalmente ricoperte da mega poster di piatti di pasta: impossibile non avere una fame da leoni!

tavoli_filotea

La sala è luminosa e i tavoli sono quasi già tutti occupati; Filotea è il luogo ideale per una pausa pranzo veloce e di qualità! Ci accomodiamo e su una grande lavagna leggibile a tutti leggiamo i piatti proposti, che cambiano quasi giornalmente:  chitarrone al tartufo nero fresco, linguine al pesto genovese, linguine aglio prezzemolo con ragù di tonno ed olive, fettuccine al ragù, linguine alla norma. Prima della pasta, ci viene servino un antipastino delizioso: dell’affettato freschissimo, una zuppa di lenticchie, e un crostino con i carciofi. Semplice, buono e genuino; un ottimo inizio!

antipasto_filotea

Il primo piatto che decidiamo di assaggiare sono le chitarrone al tartufo nero fresco:la porzione è abbondantissima e la qualità dei prodotti è davvero eccellente. Quello che ci colpisce maggiormente sono la porosità e la consistenza della pasta. Nelle tovaglie che compongono l’apparecchiatura del tavolo, viene spiegato il metodo di lavorazione di questa pasta, e decidiamo di volerne sapere di più. Così scopriamo che, in primis, la pasta Filotea è davvero unica: nel suo impasto, oltre alla semola e alle uova, viene inserita una quantità, pari al 5% , di farina di tipo 00. Questo ingrediente pare faccia realmente la differenza nella produzione della pasta Filotea.  La scelta dell’azienda è quella di produrre a km 0: la farina infatti proviene da un antico mulino ad Osimo, a pochissimi kilometri dallo stabilimento produttivo di Ancona, in funzione dal 1840, quando le turbine erano ancora mosse da un corso d’acqua. La sua produzione viene realizzata solamente con grano tenero italiano di prima qualità, e non prevede l’aggiunta di nessun additivo o colorante. La bassa presenza di ceneri, poi, mantiene inalterato per lungo tempo il colore tipico giallo vivo della pasta. 

tartufo_filotea

Decidiamo di ordinare anche le linguine all’aglio prezzemolo con ragù di tonno ed olive. Non passano neanche cinque minuti e già veniamo serviti. Ecco un altro segreto della pasta filotea: ha tempi di cottura brevissimi nonostante sia una pasta secca. Il merito va alla modalità di essicazione. Mentre i tempi standard impiegati dagli altri pastifici si aggirano intorno a qualche ora ad elevate temperature, l’essiccazione della pasta Filotea supera anche le ventiquattro, utilizzando sapienti cambi di temperature e umidità, sempre molto basse, con lo scopo di mantenere inalterate le proprietà organolettiche della pasta.

tonno_filotea

Scegliamo di assaggiare anche le linguine alla Norma. La pasta è molto ruvida ed ha una straordinaria capacità di assorbire il sugo, preparato con cura, dedizione e con materia freschissime.

norma_filotea

Alla fine del pranzo ci viene servito un piccolo pezzo di dolce e un buon caffè (compresi nel prezzo del menù). La pulita semplicità del locale, ci fa davvero apprezzare quello che stiamo assaporando, rendendo la nostra “experience” al di sopra delle aspettative. Se poi volete portarvi a casa un po’ di profumi e sapori di Filotea, all’interno del “Food experience” stesso, avrete la possibilità di acquistare tutti i prodotti che vengono offerti per la degustazione. Tutti i tipi di pasta all’uovo tradizionale o speciale, e anche quella di semola di grano duro. Potrete anche acquistare i sughi realizzati con materie prime di alta qualità.

negozio_filotea

Il Filotea Food Experience, poi, non si limita solamente alla degustazione durante l’ora di pranzo. Vengono organizzati, infatti, corsi di cucina, di pasta fresca, di pizza, e durante il servizio serale, la cena è accompagnata da gruppi musicali, musicisti che suonano dal vivo, e letture di libri.

menu_filotea

Lo scopo di Filotea è quello di creare la “pasta all’uovo più buona del mondo, come la preparavano le nostre nonne per il pranzo della domenica”. Che siano le più buone del mondo non lo possiamo ancora dire con certezza (noi nuokers abbiamo ancora tanto da esplorare!), però possiamo dire che, oltre aver mangiato con gusto un prodotto eccellente, abbiamo apprezzato la cura e la filosofia sposati dall’azienda, che fa della semplicità e genuinità i suoi punti di forza.

Alla prossima!

, , , ,