ankona

Let's Eat

La DegOsteria di Ancona tra raffinatezza e tradizione

07 aprile 2015

A circa quindici metri dall’imponente presenza di un papa marmoreo, che osserva quasi compiaciuto la movida serale, e oltrepassato un arco detto “Amoroso”, ecco che sbuchiamo di fronte a luoghi insospettati. Come scoprirete tra non molto, sono luoghi dedicati alle papille gustative e ai palati fini. Ma procediamo con ordine…

Piazza del papa Ancona

Siamo nel centro storico che più centro non si può, nel cuore vivo di Ancona. Alla nostra destra piazza del Plebiscito, “salotto cittadino” e raduno dei locali più frequentati del centro città. Ci avventuriamo un po’ oltre, bastano pochi metri, e nel salire via Pizzecolli passiamo accanto al già citato arco Amoroso, atelier e spazio espositivo d’importanza storica. Seguitiamo poi passando sotto l’arco della Prefettura, in tempi medievali importante porta d’accesso alla città.

Via Bernabei Ancona

È proprio su questa strada, al civico 3, che incontriamo un ristorante da non perdere per nessun motivo: stiamo parlando di La DegOsteria. Non appena varcata la soglia di questo luogo moderno e accogliente, verrete conquistati dalla vivacità del personale che farà fin da subito gli onori di casa. Capirete presto il perché della nostra segnalazione. Proprietari del ristorante sono quattro ragazzi giovanissimi: Marco e Marco ad occuparsi della cucina mentre Danilo e Matteo gestiscono la sala.

Collage ingresso DegOsteria Ancona

Dopo anni di esperienza nella ristorazione, la DegOsteria è nata dall’idea di aprire un luogo  —in Ancona— che rispecchiasse completamente la loro idea di cucina raffinata e tradizionale allo stesso tempo, unita alla convivialità. Il locale si apre in un ingresso spazioso con la cucina a vista oltre il vetro, un angolo aperitivo lounge dotato di divanetti e, di fronte, il bancone in uno stile che ricorda gli american bar. La nostra attenzione viene catturata da un pavimento in legno rosso, tocco marittimo e casereccio che farà da pontile verso le prelibatezze di mare che, in una città porto come Ankona, non devono mai mancare.

Collage DegOsteria Interni Ancona

Ci spingiamo dunque oltre il corridoio e sbuchiamo in un’ampia sala dal pavimento in legno bianco. Siamo finalmente approdati a bordo della piccola “nave” arredata con luci soffuse. Pronti a salpare, ci accomodiamo a tavola.

Collage Interni DegOsteria Ancona

L’arredamento è sobrio e prevalgono i colori del bianco e del nero. Ampie finestre si aprono sul lato destro della sala, mentre sul fondo intravediamo porte finestre che danno su una grande terrazza aperta d’estate. La sala interna è decorata con piccoli dettagli colorati e oggetti di design che scopriamo provenire dal negozio esattamente di fronte al ristorante: il negozio di progettazione e arredamento dell’architetto Vittoria Ribighini. L’intento è quello di incoraggiare la collaborazione tra esercizi professionali dello stesso quartiere per creare una sorta di comunità commerciale.

Concentriamoci ora sulla cucina. Prima di ogni altra pietanza, arriva in degustazione una selezione di ottimi pani fatti in casa, prodotti con farine locali biologiche. Vengono accostati ad una lacrima di olio extra vergine d’oliva e a un flûte di buon prosecco.

Collage pane DegOsteria Ancona

L’amore per i piatti presentati e l’attenzione per il cliente vanno per la maggiore in questo luogo dove, da questo momento in poi, pioveranno prelibatezze di ogni tipo.

DegOsteria Ancona tartare

Noi abbiamo iniziato dalla tartare di tonno, seducente sia per la vista sia per il palato. Vi consigliamo anche l’antipasto a base di carpaccio di polipo, valeriana, melograno, pepe di Sichuan e fiore di borragine. Se amate il buon vino, innaffiate il tutto con un Vigna delle Oche, verdicchio superiore: è perfetto anche per la grande varietà di primi da la classica padellata di ciabattoni con astice al chitarrino con alici, pomodori secchi e crema di bufala. Una delizia. Se amate invece i sapori più tradizionali, le tagliatelle allo scoglio faranno al caso vostro. Il menu illustrato dai ragazzi al tavolo propone sfiziose varietà di pesce ma anche di carne.

Collage Primi piatti DegOsteria Ancona

Cosa ordinare invece per secondo? Se desiderate proseguire con un cult, noi di Ancona vi consigliamo i sardoncini scottadito. Se invece vi sentite audaci, lo stoccafisso all’anconetana è la pietanza che fa per voi. Questo piatto è infatti uno dei simboli più antichi della tradizione gastronomica locale. La storia racconta che le navi di Ancona si spingevano fino alle isole norvegesi Lofoten, pur di importare grandi quantità di questo pesce. In alternativa la cotoletta di rombo nero con gazpacho e crudità di finocchio è solo una delle possibilità offerte dal ricco menu. Per non parlare poi dei dolci

Tortino caldo DegOsteria Ancona

Tortino caldo al cioccolato con cuore alla nocciola e crema chantillyoppure semifreddo cheesecake con salsa ai lamponi e copertura al cioccolato Domori. Sappiamo che la scelta è veramente dura.

La DegOsteria è sempre aperta tranne il lunedì e il sabato a pranzo. Il rapporto qualità/prezzo è onesto e mangerete delle buone materie prime preparate con cura e ricercatezza. Terminata la cena con un caffè, concedetevi una passeggiata tra le viette del centro storico anconetano oppure sorseggiate un buon amaro in uno dei bar di piazza del Papa. Non ci resta che augurarvi una buona degustazione e lasciarvi con una frase che riassume lo spirito DegOstereccio: “Si cucina sempre pensando a qualcuno, altrimenti stai solo preparando da mangiare!”

, , , ,