bulagna, let's eat

I ravioli cinesi con la pancetta di Manyi, a Bologna

Non solo ragù: se la pancetta è il tocco che insaporisce il re dei piatti bolognesi, c’è un posto, non lontano dalla stazione centrale a Bologna, dove la troverete in un raviolo cinese. Manyi, il ristorante asiatico guidato dallo chef Lin Huanping offre una vasta gamma di proposte della cucina tradizionale che rivoluzionerà il vostro modo di pensare e assaporare il cibo cinese – e farà cambiare idea a quell’amico che “io non lo mangio, è tutto fritto”.

Cavallo di battaglia di Manyi sono proprio i dim sum: ben 18 tipi di diversa forma, colore e ripieno, sapientemente attorcigliati nel laboratorio della vicina Reggio Emilia. Noi di Nuok li abbiamo provati tutti più volte, decretando che i nostri preferiti siano proprio quelli di pancetta e meicai, una tipica verdura cinese in salamoia. La vaporiera in bambù, che da Manyi è anche elemento decorativo delle pareti insieme ai fiori di ciliegio che pendono dal soffitto e l’enorme murales di una geisha, arriva rovente in tavola pronta per essere assalita dalle bacchette dei commensali. Come preannunciato in sala, i piatti arrivano secondo i tempi di cottura e sono perfetti per essere condivisi piuttosto che gustati singolarmente.

Per chi conferma la squisitezza del ripieno dei ravioli, consigliamo di ordinare anche la versione stufata di questa pancetta, sempre con meicai e riso bianco: saporitissima “scioglievolezza”. Il resto del menù non potrà che incuriosirvi, specie adesso che le ricette più consolidate affiancheranno quelle di Sagami, rinomato ristorante giapponese che ha sede a Milano e Modena.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Eleonora Masi.
Pugliese doc, il suo cuore è un puntaspilli a forma di mappamondo.
Insegna inglese a un centinaio di piccole canaglie, i viaggiatori di domani.
Per ora vive a Bologna, ma teme non sia finita qui.

Tags