coffee time, rroma

La grattachecca della Sora Maria nel quartiere Trionfale di Roma

In Sicilia hanno la granita, e su quella non si discute. Ma la regina dell’estate romana è da sempre la grattachecca, che con la granita siciliana ha in comune soltanto le prime lettere e la bassa temperatura. Se capitate nel quartiere Trionfale nei torridi mesi estivi, vi consigliamo una tappa dalla Sora Maria per una pausa a base di ghiaccio tritato, sciroppi e frutta fresca. Questi gli unici ingredienti presenti nelle leggendarie grattachecche che la Sora Maria serve dal 1933 ai romani accaldati e assetati.

Nel piccolo chiosco, che per un miracolo della fisica permette a tre corpi di entrare in uno spazio poco più grande di una cabina telefonica, lavorano la Sora Maria e i suoi due nipoti. Le loro operazioni sono coordinate alla perfezione: la ragazza si occupa della cassa, il ragazzo riempie i bicchieri di ghiaccio e sciroppi e la Sora Maria, china sul bancone, completa con maestria le grattachecche aggiungendo la frutta – tagliata da lei al momento – e dando un’ultima, benaugurante, mescolata.

Gli abbinamenti proposti sono tantissimi e vanno dalla semplicità della Delicata, composta solo da limone e cocco, alla maestosità della Sora Maria, un trionfo di sciroppi all’amarena, al tamarindo e all’arancia coronato da una ricca guarnizione di cocco fresco, pezzi di limone e amarene intere. Noi di Nuok amiamo molto anche la più esotica Tropicana, fatta con sciroppi al mango e alla maracuja e guarnita con cocco croccante. Per i più creativi c’è la possibilità di comporre una grattachecca scegliendo tra quasi venti sciroppi.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Livia Di Giammatteo.
Prende molti treni, tutti all’ultimo secondo.
È convinta che non ci sia differenza tra il profumo della felicità e quello dei carciofi fritti.
Ama muoversi, ma alla fine torna sempre a Roma.

Tags