buenosairez, go green

Asia a sud del mondo: il giardino giapponese di Buenos Aires

Abbiamo tutti un luogo dei ricordi in una città remota a cui sarebbe sempre bello tornare. Tra questi, noi di Nuok adoriamo il Jardin Japonès di Buenos Aires, uno spicchio d’Asia all’estremo sud-ovest del globo. Situato a pochi passi da Plaza Italia, tra le trafficate Avenida del Libertador e Avenida Sarmiento, nel cuore del quartiere Palermo, questo “polmone di armonia e tranquillità” vi farà viaggiare nel tempo e nello spazio con soli 150 pesos.

Inaugurato nel 1967 per accogliere con un simbolo di amnistia la comunità giapponese emigrata in Argentina, tutti i giorni, dalle 10 alle 18, il giardino giapponese accoglie i suoi visitatori con un grosso Torii, l’altare centrale costruito in occasione del cinquantesimo anniversario, e tre diversi ponti in legno laccati di rosso che sovrastano laghetti e fiumiciattoli in cui nuotano instancabili enormi carpe dalla boccuccia a ventosa. Qualsiasi sia il periodo dell’anno, recatevi in uno dei due negozi di souvenir per acquistare un talismano di carta su cui scrivere i vostri desideri per il futuro da appendere nelle bacheche esterne: faranno compagnia ai migliaia di sogni già espressi in tutte le lingue del mondo, legati per farsi accarezzare dal vento e sciogliere dalla pioggia.

Se siete stanchi di empanadas e asado, potreste fermarvi ad assaggiare il delizioso sushi del ristorante del parco, sebbene un po’ caro rispetto ai canonici prezzi argentini. Immancabile, poi, un momento di riflessione davanti alla gigantesca campana della pace e in primavera l’inebriante attraversamento del “camino de Sakura” colmo di ciliegi in fiore.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Eleonora Masi.
Pugliese doc, il suo cuore è un puntaspilli a forma di mappamondo.
Insegna inglese a un centinaio di piccole canaglie, i viaggiatori di domani.
Per ora vive a Bologna, ma teme non sia finita qui.