all around, lukkha

Tra storia e leggenda: il Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano

Da Lucca è facile organizzare numerose gite fuori porta per scoprire i luoghi più inediti e misteriosi della Toscana: una tappa imperdibile da fare, non molto lontano dalla città, è una visita a Borgo a Mozzano, paese medievale che si adagia sulle sponde del Serchio e punto di mezzo tra la Valle del Serchio e la Lucchesia.

Il ponte del paese è conosciuto dai più con il nome di Ponte del Diavolo. Questo perché la leggenda vuole che il costruttore di questa opera architettonica, preso dalla disperazione fece un patto con Satana che gli promise di completarla in una sola notte, in cambio della prima anima che lo avesse attraversato. L’uomo preso dal rimorso, fece in modo di far passare un animale per primo, che pagò il debito al posto di un umano, beffando così il diavolo che scomparì nel fiume. 

La storia “ufficiale” invece dice che questa costruzione è stata voluta dalla contessa Matilde di Canossa nel 1100 circa ma che la sua struttura attuale “a schiena d’asino” – che significa più alto nel punto centrale –  risale invece agli inizi del ‘300 per la ristrutturazione effettuata da Castruccio Castracani, condottiero e signore di Lucca. Non ha però niente a che vedere con gli altri ponti medievali: la sua unicità sta soprattutto nelle sue imponenti arcate asimmetriche, quella centrale in particolare è così alta ed estesa che sembra sfidare la legge di gravità. Da Lucca si può raggiungere questo borgo in autobus e in treno, oppure in auto (in circa trenti minuti).

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Jennifer Mallegni.
Sui social @jemsun – è 100% toscana ma con un’anima da cittadina del mondo. Over 30 che viaggia appena può lontano e vicino, l’importante è scoprire sempre qualcosa di nuovo. Social media addicted, le piace il buon cibo, la fotografia e l’arte. Sogno nel cassetto: il giro intorno al mondo!

Tags