brucsel, go green

L’incanto della fioritura nelle serre reali di Laeken a Bruxelles

Quando arriva la primavera, accade una magia che tutti conosciamo: la natura si risveglia tingendosi di mille colori, e ci incanta con il suo dolce profumo. Lo sanno bene i belgi che, da buoni intenditori di piante e fiori, riservano particolari attenzioni al suo momento di massimo splendore ‒ la fioritura. Proprio in questo breve periodo dell’anno a Bruxelles, nella zona a nord della città, tra aprile e maggio riaprono al pubblico le sontuose serre reali di Laeken.

Annoverate tra le più grandi al mondo, le serre reali vennero costruite nel XIX secolo durante il regno di Leopoldo II. Le sette serre ‒ uno scenografico complesso di padiglioni monumentali, cupole e gallerie in metallo e vetro in stile art nouveau ‒ furono progettate dall’architetto Alphonse Balat insieme all’allievo Victor Horta. All’interno sono custodite numerose piante tropicali e subtropicali da tutto il mondo, alcune appartenenti alla collezione originale del re. Entrate e iniziate a percorrere i corridoi: una “foresta” di gerani e fucsia in fiore vi accompagnerà per gran parte della visita, facendovi alzare lo sguardo al soffitto. Da non perdere: la collezione di camelie, il padiglione orientale, l’atelier della regina Elisabeth e lo spettacolare jardin d’hiver.

Le serre reali sono facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici. Aperte per solo tre settimane, il biglietto d’ingresso costa 2,50 € ed è acquistabile soltanto in loco: preparatevi quindi a un po’ di fila, specie nel fine settimana. Per conoscere gli orari e i giorni di apertura, vi consigliamo di tenere d’occhio questo sito.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Marta Gerbino.
Ama il cibo, i viaggi e le storie con la S maiuscola.
Quando non scrive, si diverte a creare dolci dal gusto hygge.