coolture, firenzeh

I quadri bagnati dell’artista Blub sui muri di Firenze

“L’arte sa nuotare”, questo è il suo motto dal 2013, quando con le sue prime tre opere nel quartiere di San Niccolò a Firenze volle ricordare l’alluvione del 1966. Blub è un artista fiorentino dall’identità segreta, indeciso sul definirsi uno street artist poiché crede che alla sua arte manchi la componente di critica al sistema. Tuttavia i suoi piccoli murales sono a pieno titolo arte di strada, integrata con delicatezza nel paesaggio urbano e visibile da tutti.

Artisti, geni, letterati, o volti iconici usciti dai quadri e dalle sculture di ogni epoca per essere impressi con la vernice acrilica sui muri o sugli sportelli dei vani elettrici, meglio se un po’ scrostati e vissuti. La maschera da sub sul viso di ognuno, lo sfondo blu attraversato da bollicine che rende blu anche le facce ci fanno capire che sono in acqua, di oceano o di piscina non ha importanza. L’acqua è una dimensione silenziosa e sospesa, senza tempo, proprio come le opere d’arte riprodotte.

Sul lungarno vicino a Ponte Vecchio abbiamo avvistato Vincent Van Gogh e in una viuzza poco lontana i duchi di Urbino di Piero della Francesca, immancabilmente uno di fronte all’altro. Dante Alighieri, dal profilo inconfondibile anche con la maschera, e la ragazza con l’orecchino di perla. Il bellissimo David, poi la Gioconda e Leonardo Da Vinci. Queste sono solo alcune delle celebrità che potete incontrare per le strade di Firenze, e se non riuscite ad aspettare andate a curiosare su @lartesanuotare, la pagina Instagram di Blub.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Elena Gebbia.
Legge, si incuriosisce, viaggia, fotografa e racconta.
Non sempre in quest’ordine.

Tags