coffee time, rroma

Quando il gusto incontra l’estetica: le torte di Hiromi Cake a Roma

Che la cucina giapponese goda di una certa popolarità tra i romani è innegabile, come dimostrano gli innumerevoli ristoranti sparsi nella Capitale. Eppure, una pasticceria giapponese ancora mancava all’appello. Non distante dal Vaticano, racchiusa nell’elegante rione Prati, Hiromi Cake è entrata nel panorama gastronomico romano solo a novembre 2018, ma fa già parlare di sé grazie alle sue originalissime torte.  

Il locale ha uno stile decisamente minimalista: i colori principali sono il bianco e il turchese, l’arredamento è semplice ed essenziale. A dominare la scena sono le creazioni delle pasticcere specializzate che si alternano nella realizzazione di questi piccoli capolavori. Da Hiromi si possono gustare dolci yougashi, ovvero dolci occidentali rivisitati in chiave nipponica, che oltre al gusto ricercato sono molto scenografici e invitanti, frutto di un’attenta ricerca estetica condita da tanta creatività. Tra le varie torte che potrete gustare, da non perdere sicuramente le coloratissime cheesecake, in particolare la matcha rare cake, dall’inconfondibile colore verde pistacchio.

Inoltre, non mancano i dolci giapponesi tipici, (wagashi) che solitamente accompagnano la cerimonia del tè, come i dorayaki, composti da due pancake sovrapposti con una farcitura dolce, in genere marmellata di fagioli azuki, e i daifuku, dolcetti di pasta di riso con lo stesso ripieno dei dorayaki, ma qui disponibili anche in altri gusti. Da provare con il tradizionale tè matcha, ovviamente. La pasticceria è aperta tutti i giorni, potete raggiungerla con la linea A della metropolitana, fermata Lepanto oppure Ottaviano. Entrate pure: il Giappone non è mai stato così vicino (e dolce!).  

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Dafne Graziano.
Laureata in lingue, aspirante traduttrice, rockstar mancata. Ama scrivere, leggere e viaggiare, sia nel mondo reale che nella fantasia.
Determinazione e passione sono i suoi punti di forza. Il suo tallone d’Achille? La pasta alla carbonara

Tags