by night, venessia

L’autentico spritz low cost da Al Squero a Venezia

Quando già inizia a fare sera, i lampioni si accendono, la luce si fa più ovattata e gli uffici si svuotano, a Venezia, tra ponti e calli, sui tavolini e sui banconi in legno dei bacari del centro, si vede solo un colore brillare nei bicchieri: quello arancione brillante dello spritz.

Il famoso cocktail alcolico ci racconta una storia che profuma di fine Ottocento e la sua origine sembra essere in un’usanza dei soldati austriaci in stanza nei territori della Serenissima che, non abituati ai forti vini veneti, tendevano ad allungarli “sprizzandoli” con del selz o dell’acqua frizzante. Nei ruggenti anni Venti ai veneziani venne l’arguta idea di aggiungere il rivoluzionario Aperol, presentato solo nel 1919 alla Fiera di Padova, o, in alternativa, il Select, prodotto autoctono dei Fratelli Pilla.

Certamente a Venezia non mancano, dunque, bar e locali in cui poter gustare l’originale spritz ma noi di Nuok vi consigliamo vivamente di evitare location modaiole e in zone prettamente turistiche per approdare a uno dei migliori bacari storici della città: Al Squero. La piccola e suggestiva osteria prende il nome dallo squero che si trova sulla riva opposta del canale, un tradizionale cantiere per imbarcazioni a remi. A due passi dai meravigliosi tramonti di cui godere dalla Fondamenta delle Zattere, presso lo Squero si può degustare uno dei migliori spritz di tutta la città lagunare – a soli 2 euro e 50. Per un’esperienza degustativa autentica vi consigliamo, senza dubbio, la variante al Select, magari con un bel cicchetto ai funghi porcini d’accompagnamento.

* * *

Questa segnalzione è stata curata da Ilaria Piampiani.
Segno Leone, amante dell’autunno, si divide tra gatti,
aerei e buon cibo, il tutto condito con l’amore per la scrittura.

Tags