coffee time, marachesc

Un tè alla menta alla Terrasse des épices di Marrakech

Perdersi a Marrakech non è certo un’impresa. Il groviglio di strade, gli odori intensi del cuoio e delle spezie, i colori sgargianti di abiti e tappeti, le voci e le risa di chi si scambia confidenze, parole confuse di chi cerca di trattare sul prezzo, il rumore a scoppio dei motorini che si intrufolano tra i passanti, bancarelle di pesce fresco, carretti di fichi d’india e panetterie all’aria aperta. Marrakech o la si odia, o la si ama. Non ci sono vie di mezzo. E, forse, proprio questo è il suo bello.

Buttatevi a capofitto nel souk e lasciatevi portare dalla folla. Vivete a pieno il cuore pulsante della città e quando sarete stanchi, abbracciate la migliore delle tradizioni marocchine: il tè alla menta. La Terrasse des épices è una vera e propria oasi di pace nel bel mezzo del mercato. La grande terrazza si apre sulla città e nei giorni in cui il cielo è più terso si possono vedere anche i monti dell’Atlante.

Siedetevi e lasciatevi stregare da un buon tè, un mix di menta secca e menta fresco, rigorosamente servito da una teiera che sembra la lampada di Aladin. Un segreto: il tè é il simbolo per eccellenza dell’ospitalità marocchina e va servito avvicinando e allontanando la teiera come una danza, lasciando che il tè scivoli nel bicchiere come le cascate di Ouzoud. Chiudete gli occhi, assaporate un dolcetto alla pasta di mandorle e miele, magari al tramonto, mentre la preghiera della Koutoubia risuona nella febbricitante Marrakech.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Melania Armento.
Vive con la testa tra le nuvole e un piede tra Spagna e Italia.
Viaggia appena può, scrive (per lavoro e per passione) e non rinuncia mai a una buona pizza.

Tags