coffee time, nuok

Un bicchierone di caffè della Brooklyn Roasting Company a New York

La tostatura è un processo affascinante: il chicco di caffè, sottoposto a temperature altissime, cambia colore, diminuisce di peso, aumenta di volume e perde umidità, acquistando così il suo inconfondibile aroma. C’è un posto a New York dove tutto questo avviene davanti ai vostri occhi: la Brooklyn Roasting Company.

Il caffè, proveniente da colture ecosostenibili sudamericane, asiatichee africane, è buono ed economico. Potete anche scegliere tra le versioni di drip coffee, che vi verrà spillato direttamente da una delle macchine dietro al bancone. Fatevelo servire in uno dei caratteristici bicchieroni, così che possiate mettergli il tappo e portarvelo in giro nel caso si facesse tardi. Oppure, potete decidere di fermarvi qui, a lavorare dal vostro computer: la wifi gratuita funziona, la musica di sottofondo piacevole e nessuno vi metterà fretta per farvi alzare e liberare il tavolo. La clientela è molto rilassata e spesso piuttosto hipster. Se poi oltre a bere volete anche mangiare qualcosa, troverete una gustosa selezione di ciambelle, cornetti e banana bread tradizionali.

Una curiosità: il locale principale di Brooklyn occupa gli stessi locali in cui un tempo sorgeva una storica torrefazione, quella degli Arbuckle Brothers, nel quartiere di Dumbo. Oggi è un accogliente open space arredato con i materiali recuperati durante la ristrutturazione dell’edificio: tubi in plastica, assi di legno, ingombranti cavi. C’è anche un lungo tavolo con una roulette, preso da un vecchio vagone ferroviario privato. E un tavolo con roulette lo trovarete anche nella più centrale sede di Manhattan, al 50 W della 23rd Street.

* * *

Questa segnalzione è stata curata da Alice Avallone.
Viaggia, scrive e insegna. A volte anche contemporaneamente
Nel tempo libero, si occupa con orgoglio di antropologia digitale.

Tags