coolture, nuok

La statua del Buddha dorato più grande di Chinatown a New York

Ai piedi del Manhattan Bridge c’è un edificio squadrato senza finestre,
con le silhouette di tre pagode applicate come un bassorilievo sulla facciata,
e un immancabile cartellone pubblicitario sul tetto. Prima del 1996
ospitava il Rosemary Theater, un cinema che proiettava film erotici per
adulti; oggi è la sede del Mahāyāna City Temple, uno dei principali templi
buddhisti di Chinatown
.

Quando il tempio è aperto, davanti all’ingresso si possono vedere due grandi leoni dorati, che nella tradizione cinese hanno la funzione di allontanare le energie negative; i visitatori sono i benvenuti, a patto di garantire un rispettoso silenzio. Un lungo tappeto rosso collega l’anticamera – che ospita una statua votiva e un’urna pergli incensi – alla sala principale, dove troneggia una scultura dorata alta quasi 5 metri raffigurante unBuddha seduto su un fiore di loto. Completano l’arredamento un ciclo di quadri, lanterne di carta, sedie e cuscini rossi, e due nicchie per le preghiere rivolte agli avi.

Ogni domenica, dalle 10 alle 12, si può assistere alla funzione settimanale, caratterizzata da un’intensa pratica di meditazione: fanno parte del rito la recitazione di formule ripetitive (mantra) e suggestivi suoni di campane e gong. Una curiosità: all’entrata e ai piedi del gigantesco Buddha troverete due cestini rossi colmi di bigliettini arrotolati, entrambi accompagnati da un cartellino con la scritta: «Pick your fortune», pesca il tuo destino. Con l’offerta simbolica di un dollaro potrete srotolare un biglietto e leggere – in un inglese assai sgrammaticato – una profezia sul vostro futuro. E, parola di noi di Nuok, non sempre è roseo!

* * *

Questa segnalzione è stata curata da Alice Avallone.
Viaggia, scrive e insegna. A volte anche contemporaneamente.
Nel tempo libero, si occupa con orgoglio di etnografia digitale.

Tags