coolture, sirakuza

Un teatro di pupi siciliani tra i monti Iblei a Sortino

Nel centro storico di Sortino, paesino barocco sui monti Iblei che rappresenta un interessante angolo di sicilianità lontano dai percorsi turistici più frequentati del siracusano, abbiamo scoperto un inaspettato tesoro del teatro popolare siciliano, l’Opera dei Pupi, che dal 2001 è patrimonio immateriale dell’Umanità.

Il Museo dell’Opera dei Pupi sorge in quello che una volta era il carcere cittadino e raccoglie la collezione di pupi della famiglia di Don Ignazio Puglisi, puparo da cinque generazioni, oltre a una vasta collezione di pupi della scuola catanese. I pupi siciliani sono marionette ad asta, protagoniste di spettacoli itineranti, diffusi a partire dal Settecento, che raccontavano le gesta dei paladini di Carlo Magno, dei loro amori, come quello di Orlando per la bella Angelica, e delle loro battaglie contro i saraceni. Le sale del museo ospitano dame con abiti sontuosi e paladini con splendidi scudi cesellati. Oltre alle marionette vi si trovano i cartelloni, ovvero grandi manifesti dipinti a mano che venivano affissi nei punti strategici delle città e raffiguravano il tema dello spettacolo che si sarebbe svolto servendosi solo di disegni, in modo che anche chi non fosse in grado di leggere potesse intuire il titolo dello spettacolo dalle immagini.

Il personale del museo ci ha incantato con i racconti delle gesta dei paladini francesi e di quanto questi fossero amati dal popolo siciliano. Vi consigliamo la visita… se siete fortunati può capitarvi di assistere a qualche scena esilarante, come il racconto della parodia della pazzia di Orlando o dell’epilogo della battaglia di Roncisvalle.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Sofia Giompapa.
Siciliana, emigrata e ritornata, innamorata della sua terra e del mondo.
Ama i colori e nel tempo libero va alla scoperta di angoli segreti con la sua macchina fotografica.

Tags