avignon, let's eat

Un burger in una cappella del 14° secolo ad Avignone

Nella riservata e pedonale Place de la Principale di Avignone si affaccia un locale dove viene servito il miglior burger della città: Le Potard. Un grande tiglio cela sotto le sue fronde l’entrata, una porta d’accesso a una cappella del quattordicesimo secolo, la Chapelle des Pénitents blancs. Un luogo del tutto inaspettato per mangiare un panino e bere una birra, in effetti, ma la città dei Papi non perde occasione di stupire. Ma parliamo del piatto principe…

I burger qui vengono serviti tutti su una lastra di ardesia, con patate al forno e insalatina. I prezzi vanno dai 14 euro per Le Chti Moon – manzo macinato fresco, cipolle caramellate, insalata e salsa della casa – ai 18 euro dell’omonimo Le Potard – salmone affumicato dell’avignonese Maison Berny e salsa all’aneto. Tra tutti, a noi di Nuok è piaciuto parecchio Le Classic US, il burger americano rivisitato da Le Potard: oltre al manzo tritato, pancetta affumicata, pomodori a fette, formaggio cheddar, gruviera DOP, insalata ketchup fatto in casa, cipolle fresche, sottaceti e salta. Assai godurioso, insomma.

In alternativa, qui anche le insalate vengono servite con un mini burger al centro: non avete scampo. Infine, le birre alla spina sono belghe, quelle in bottiglia (soprattutto) francesi, e i vini tutti orgogliosamente locali. Se siete in dubbio su quale bottiglia provare, affidatevi a noi: chiedete un Côtes du Rhône AOP, Domaine de la Solitude – un prestigioso vitigno nato con il papato di Clemente V e che ha trovato il suo massimo splendore alla corte di Luigi XVI.

* * *

Questa segnalzione è stata curata da Alice Avallone.
Viaggia, scrive e insegna. A volte anche contemporaneamente.
Nel tempo libero, si occupa con orgoglio di etnografia digitale.

Tags