bulagna, coolture

Rocchetta Mattei: il castello arabesco a due passi da Bologna

Si dice spesso che si possa andare lontano anche a pochi passi da casa, ed è questo che accade tra Grizzana Morandi e Riola, un piccolo comune situato sulla Strada Statale Porrettana a una manciata di chilometri dalla città di Bologna. Qui si erge il castello del conte Cesare Mattei, in realtà una “rocchetta”, Rocchetta Mattei, per l’appunto. Scorgendo le sue guglie dorate sembra di essere improvvisamente arrivati in Andalusia o in Nord Africa, ma senza aver preso un aereo!

Cesare Mattei è stato l’inventore dell’elettromeopatia, pratica che alla fine dell’ottocento riscosse un discreto successo, ma fu fonte anche di debiti e litigi familiari. Vicende interessanti da ascoltare durante la visita attraverso le stanze in cui il conte portava avanti le sue ricerche, produceva e distribuiva, forse gratuitamente, i suoi rimedi. Dopo la lunga scalinata verso il portale d’ingresso dalla tipica forma a punta dell’architettura araba, il cortile centrale è la perfetta commistione degli stili medievale e moresco che si ritrovano per tutto l’edificio. Vi risulterà familiare il Cortile dei Leoni, precisa riproduzione della famosa Alhambra di Granada e sarà difficile dimenticarsi della cappella dove il conte Mattei è sepolto: qui pareti e soffitti sono a striature zebrate, ispirandosi alla Grande Moschea di Cordoba.

Riaperta al pubblico nel 2015, oggi la Rocchetta è visitabile solo nei weekend, dalle 10 alle 15 in inverno e con due fasce orarie 9:30-13, 15-17:30 in estate. Il biglietto costa 10€ e include l’accompagnamento di una guida alla scoperta del “sogno di un uomo che aveva deciso di curare il mondo”.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Eleonora Masi.
Pugliese doc, il suo cuore è un puntaspilli a forma di mappamondo.
Insegna inglese a un centinaio di piccole canaglie, i viaggiatori di domani.
Per ora vive a Bologna, ma teme non sia finita qui.