go green, lhivorno

L’Orto dei Semplici sull’Isola d’Elba e le sue erbe

Roberto Ballini è un famoso ex ciclista su strada italiano che, dopo il suo ritiro, è diventato un famoso apicultore all’Isola d’Elba. Ma non solo: è anche l’amorevole padrone di casa dell’Orto dei Semplici Elbano, intimo e raccolto giardino botanico annesso all’Eremo di Santa Caterina a Rio nell’Elba. È aperto al pubblico da aprile ad ottobre; negli altri periodi si può contattare direttamente il Comune di Rio nell’Elba.

Dopo aver superato la prima zona con le piante della macchia mediterranea delle isole toscane, si scendono alcuni gradini: ecco la collezione di piante ed erbe medicinali utilizzate nella tradizione elbana, tra le quali la ruta. Nei tempi antichi si riteneva che la pianta avesse la proprietà di difendere le persone dal contagio della peste, ma anche che fosse utile per allontanare la paura. Veniva piantata in giardino per difendere la casa e veniva messa in tasca quando si dovevano affrontare situazioni difficili. È altamente tossica, ma in dosi minuscole viene utilizzata in cucina – per aromatizzare liquori, grappe, olio, aceto o piatti di carne – e come rimedio nella cura delle ferite causate da incidenti sportivi, sotto forma di olio e tintura per massaggi in caso di dolori articolari e crampi.

Nel terrazzamento che affaccia sul mare, ci sono alberi di agrumi, melograno, lavanda, cisto, rosmarino, ginestra, corbezzolo… E ancora, piante endemiche e rare, piante delle dune e delle spiagge elbane, piante dal fogliame argentato, piante di ulivo. Consigliata una sosta nel frutteto di varietà antiche: la sensazione di pace sarà totale.

* * *

Questa segnalzione è stata curata da Alice Avallone.
Viaggia, scrive e insegna. A volte anche contemporaneamente.
Nel tempo libero, si occupa con orgoglio di etnografia digitale.

Tags