by night, Turin

L’originale spritz alla violetta del Mojo Bar a Torino

Alfred ha la faccia di un ragazzino e la conoscenza di chi beve da una vita. Lui e la sua ragazza hanno comprato il Mojo Bar solo un anno fa; è in piazza Santa Giulia 0/f a Torino, a pochi metri dal bar che l’ha resa famosa, e si difende dalla concorrenza con una sola parola: qualità.

Al Mojo tutto è selezionato, dal caffè alle birre artigianali. Da fuori appare un locale comune: un piccolo dehors, due stanze moderne e accoglienti, tavoli semplici e un bancone come tanti. Ad attirare la nostra attenzione, sulla vetrina, un cartello che inizia a comparire in zona: spritz a 1,50 €. Ma la marcia in più del loro spritz è la varietà: accanto agli storici Aperol e Campari, al veneto Cynar, fanno infatti bella mostra il più nuovo Hugo, e soprattutto l’originale spritz alla violetta. Chi si aspetta un gusto troppo dolce per un aperitivo, dovrà ricredersi; resta floreale, ma piacevolmente secco, una perfetta alternativa al classico Aperol.

Gettando un’occhiata dietro al bancone, sulla parete si scorge un mondo di sfumature e gradazioni alcoliche: dal Mezcal alla vodka polacca, dal Gin del professore al rum filippino, fino agli amari artigianali e alla crema di mandorle siciliane. Lasciatevi consigliare da Alfred; al Mojo Bar, dopo la prima volta, è come tornare a casa di amici. E la musica, proprio come a casa, è sempre piacevole. I prezzi, l’avrete capito, sono più che onesti. Ogni tanto qualche vicino ne parla male, ma non dategli retta; è tutta invidia.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Cristina Danini.
Nasce a Omegna l’8 gennaio 1994. Dopo il liceo linguistico si trasferisce a Torino per frequentare la Scuola Holden.
Scrive racconti, sceneggiature, articoli, per raccontare il suo piccolo mondo.
Le piace viaggiare, soprattutto di notte, specie in treno, con la musica nelle orecchie, per sentire i chilometri scorrere.

Tags