coolture, rroma

Big city life: 22 murales monumentali a Tor Marancia

La street art rappresenta il leitmotiv ricorrente delle iniziative di riqualificazione urbana delle periferie romane. All’interno del cosiddetto Ostiense district, il quartiere di Tor Marancia è stato protagonista e teatro di Big city life, il progetto di rivitalizzazione culturale e sociale attraverso l’arte di zone grigie e senza luoghi di aggregazione. Tra il gennaio e il febbraio del 2015, più di venti artisti di prestigio internazionale hanno realizzato murales monumentali sulle facciate delle palazzine del Lotto 1 di via di Tor Marancia 63, in sinergia e collaborazione con i più di cinquecento inquilini del complesso abitativo. È stata una vera e propria metamorfosi di una borgata in un museo a cielo aperto. Non tutte le opere sono visibili dalla strada: è necessario entrare a piedi nel comprensorio, chiacchierare con gli abitanti, e aprirsi alla vita della comunità.

Il primo murale del Lotto è l’opera dell’americano Gaia (uno dei più influenti street artist under 30): vi sono raffigurati un’arancia, assunta dai residenti a simbolo del quartiere, e un busto in stile fascista, a memoria del fatto che Tor Marancia sorse per ospitare gli sfollati dei quartieri centrali della capitale, sventrati da Benito Mussolini per realizzare via della Conciliazione.

La street art è fisiologicamente contingente al tessuto urbano in cui si sviluppa, e si oppone alle forme di arte accademica spesso elitarie e inintellegibili, promuovendo la condivisione popolare della cultura, e Roma, da sempre arena e promotrice di una bellezza consapevole e multiforme, è in perfetta comunione con la natura democratica di questa forma di arte.

* * *

Questa segnalazione è stata curata da Livia Chiriatti.
Ferma sostenitrice dell’umorismo come chiave di lettura del mondo. Grafomane compulsiva, amante sincera di un certo tipo di bianco fermo, del libero girovagare e della pelle che sa disalsedine. Nata cresciuta e laureata a Roma, ora vive a Torino cercando di capire come rendere lascrittura un mestiere.

Tags